Capire come i cani sentono dolore

La percezione del dolore nei cani

Raccontare quando un cane sente dolore sembra abbastanza facile: molto probabilmente, sai che un cane sta soffrendo quando piange all'improvviso perché, come essere umano, sei abituato a comunicare il dolore vocalmente. "Ahi! Uhhh, Ahhhhh ... Ah ... Fa davvero male!" Ogni lingua ha il suo modo di comunicare il dolore.

Tuttavia, i cani non guaiscono sempre quando soffrono; in realtà molte volte dimostrano dolore in molti modi più sottili che spesso non vengono catturati dai loro proprietari. Quindi è una sorpresa quando il veterinario trova un insospettato problema ortopedico e il proprietario non ne era a conoscenza. "Ma il mio cane non ha mai mostrato alcun dolore, solo un flaccido occasionale" è qualcosa che senti spesso, quando in realtà un zoppicare è davvero un segno di dolore, dato che ingrassare la gamba è doloroso! Ma come fanno i cani a percepire il dolore, e quali sono quei sottili segni di dolore che spesso non vengono riconosciuti?

Il dolore è una sensazione spiacevole che può ferire come l'inferno, ma è molto utile. È un avvertimento inviato a umani e animali che segnala pericoli fisici. Senza dolore, in situazioni normali ci feriremmo ulteriormente, mettendoci in pericolo. È grazie al dolore che evitiamo di avvicinarci troppo al fuoco che rischia di farci bruciare, ed è grazie al dolore che evitiamo di esporre le nostre mani a temperature fredde che rischiano di darci il congelamento.

È anche grazie al mal di stomaco che ci rendiamo conto di avere fame! Quel dolore e il brontolio sono il modo in cui la tua pancia dice: Ehi, il tuo stomaco parla qui, riempimi! "

Quindi possiamo temere il dolore, ma dobbiamo anche essere grati per questo. Basti pensare al terribile danno che subiscono le persone che soffrono di "asimbolia del dolore" (persone che non hanno la capacità di provare dolore). Queste persone si bruciano, si rompono le ossa e fanno ulcerare i piedi perché non riescono a determinare con quanta pressione dovrebbero camminare.

Il dolore quindi è indispensabile per proteggerci. Sempre più veterinari non prescrivono più pesantemente antidolorifici ai cani in quanto mascherano la percezione del dolore che induce un cane ad abusare di una gamba che invece dovrebbe riposare.

Mentre il recupero in alcuni casi può essere più veloce per i cani che avvertono un dolore lieve e temporaneo a causa di una distorsione e spostano il loro peso di conseguenza rispetto a quelli sugli antidolorifici pesanti che continuano a rimbalzare come se non fosse mai successo nulla, è importante riconoscere che l'eccessivo il dolore, o dolore che si manifesta per un lungo periodo di tempo, può ostacolare il recupero poiché il dolore innesca una risposta allo stress del cane con il rilascio di ormoni dello stress che, secondo Stanley Coren, nel tempo, possono lasciare un cane sfinito e angosciato.

I cani come gli umani meritano un sollievo dal dolore, soprattutto dopo le procedure chirurgiche! È possibile trovare il giusto equilibrio fornendo sollievo dal dolore e limitando l'attività se necessario.

Come viene trasmesso il dolore? Il dolore ha origine in recettori speciali distribuiti in tutto il corpo del cane. Quelli vicino alla pelle informano il cane che ha subito danni ai tessuti, ad esempio quando è stato morso da un insetto, quando il suo piede ha calpestato una spina o quando gli è stata fatta un'iniezione dal veterinario. Il dolore attraverso percorsi attivi informa quale parte del corpo ha subito una lesione. Il cane ferito inizierà quindi immediatamente a leccare l'area interessata o smetterà di applicare peso se si tratta di una gamba.

Come già detto, a volte il dolore non è così ovvio. Nei prossimi paragrafi discuteremo dei sottili segni di dolore e dell'analgesia indotta dallo stress.

La risposta al dolore del tuo cane è volontaria o involontaria?

È interessante notare che dal modo in cui il tuo cane risponde al dolore, puoi dire se la risposta al dolore è volontaria o involontaria. Se al tuo cane non piacciono gli smalti perché in passato hai tagliato le unghie troppo corte, potrebbe ritirare volontariamente la zampa quando la afferri per tagliarle le unghie a causa di esperienze negative passate. In questo caso, il ritiro della zampa si basa sull'esperienza spiegata dai veterinari Kim Campbell Thornton e Debra Eldredge. La risposta al dolore può essere involontaria quando si taglia accidentalmente il rapido e il cane ritira in modo riflessivo la zampa.

Quali segni di stress riconosci in questo cane che indossa un colletto antiurto?

Segni evidenti e sottili di dolore nei cani

Come puoi dire che un cane sta soffrendo? Molto probabilmente, come discusso in precedenza, fai affidamento sulle vocalizzazioni. Come proprietario di un cane, probabilmente hai familiarità con quell'acuto acuto che il tuo cane emette quando accidentalmente calpesti il ​​suo dito del piede. Questa forma di dolore è acuta, il che significa che dura molto brevemente, contrariamente al dolore cronico di lunga durata osservato nei cani con artrite. Ma i cani manifestano dolore anche in modi più sottili. Chiedi a una persona se soffre e non otterrai solo una risposta, ma anche un numero sulla scala del dolore. Con i cani ci vengono lasciati tutti i dubbi. Quando la mia femmina Rottweiler strappò il legamento crociato, le sue principali manifestazioni di dolore erano occasionalmente zoppicare, ansimare e leccarsi le labbra soprattutto di notte. Quando il mio maschio ha avuto un attacco di diarrea, i brividi hanno avuto luogo pochi minuti prima di esaurirsi per defecare. Di seguito sono riportati alcuni segni evidenti e più sottili di dolore nei cani.

30 e più modi in cui i cani mostrano dolore

  • yelping
  • Howling
  • piagnisteo
  • gemendo
  • piagnucoloso
  • ringhiando
  • zoppicare
  • Leccare ripetutamente un'area
  • tremante
  • Schioccando le labbra
  • Perdita di appetito
  • letargo
  • Comportamenti eccessivamente appiccicosi
  • Irrequietezza
  • Pacing
  • Riluttanza a muoversi
  • Riluttanza ad essere raccolto
  • Alunni allargati
  • Sguardo vetrato
  • Strabismo
  • Aumento della frequenza respiratoria
  • ansimando
  • Aumento o riduzione del sonno
  • Problemi di eliminazione
  • Sforzandosi di eliminare
  • Posizione curva
  • Posizione di preghiera
  • Nascondere
  • Graffi eccessivi
  • Leccata
  • Orecchie appiattite
  • Labbra tirate indietro
  • Coda abbassata
  • e altro!

Potresti spesso sentire i sostenitori del collare di scossa affermare che lo shock non fa male al cane. A un occhio da principiante questo può sembrare vero a volte poiché il cane potrebbe non guaire o piagnucolare come siamo abituati a vedere quando il nostro cane sente dolore. Ad un occhio esperto anche se i cani colpiti da collari antiurto inviano segnali di dolore e stress a destra e a sinistra!

Informazioni sull'analgesia indotta da stress e idee sbagliate comuni

Ci sono alcune informazioni preoccupanti che a volte indugiano nei forum o nelle persone male informate. Uno dei più preoccupanti è la convinzione che i cani, o alcune razze di cani, non provino dolore come fanno gli umani. Questa convinzione può derivare dall'innata tendenza degli animali a nascondere il dolore alla vista.

Da un punto di vista evolutivo, manifestare dolore può potenzialmente far apparire un animale debole e vulnerabile, il che è potenzialmente pericoloso in natura dove i predatori stanno solo aspettando che un animale indebolito lo attacchi e festeggi. Pertanto, può essere istintivo nascondere il dolore e non manifestarlo come ci aspetteremmo, ma è terribilmente sbagliato presumere che i cani non provino dolore.

Secondo la Animal Farm Foundation: "La ricerca ha dimostrato che gli animali e gli esseri umani hanno percorsi neuronali simili per lo sviluppo, la conduzione e la modulazione del dolore, rendendo abbastanza probabile che i nostri animali domestici avvertano il dolore in modo molto simile a noi. "

Ad esempio, potresti aver sentito che alcune razze di cani non avvertono dolore e alcune persone lo usano come giustificazione per l'uso di metodi e strumenti di allenamento difficili. A volte dai allevatori di pitbull si sente che questa razza può avere un'alta tolleranza al dolore e, come tale, dovrebbe accettare un trattamento approssimativo da parte dei bambini senza un battito di ciglia. È terribilmente sbagliato e ingiusto per i genitori consentire ai propri figli di gestire in modo inappropriato i cani "pitbull" (o qualsiasi altro tipo di cane per la questione) in modo approssimativo proprio a causa di questa convinzione.

I sostenitori della sicurezza dei bambini e dei cani sanno per certo che una manipolazione scorretta da parte dei bambini può determinare l'insuccesso dei cani e questo può portare a morsi indipendentemente dalla razza. La verità è che tutti i cani condividono lo stesso sistema nervoso e sono geneticamente collegati per provare dolore proprio come qualsiasi altro esemplare vivente sulla terra!

Secondo la Animal Farm Foundation, i pitbull non sono biologicamente diversi dagli altri cani e, come tali, meritano di essere maneggiati con rispetto, e non c'è nulla di sbagliato in un pitbull che preferisce un gioco gentile rispetto a un gioco troppo approssimativo.

Il mito della soglia del dolore superiore nei pitbull e alcuni altri terrier più grandi potrebbero essere stati causati dalla loro reputazione di essere allevati selettivamente per "gameness", che è spesso descritto come l'ansia di perseverare nonostante la minaccia di lesioni sostanziali.

Questo però non significa che il cane non provi dolore, significa solo che in determinate circostanze, alcuni cani potrebbero non manifestare dolore come ci aspetteremmo, proprio come un soldato coraggioso persevera in battaglia nonostante il dolore e il freddo perché ha un'importante missione da compiere o un atleta ignora il dolore quando corre una maratona mentre ottiene una scarica di adrenalina guardando il traguardo ormai vicino.

Tuttavia, non ci sono regole fissate nella pietra in quanto ogni cane è un individuo. Il modo in cui un cane risponde al dolore non può essere previsto per razza, sesso o aspetto fisico. Avrai il Chihuahua che non sussulta dopo uno sparo e il grande Alano che guaisce per l'orrore.

Questo ci porta alla discussione sull'analgesia indotta dallo stress, cioè sulla capacità di sopprimere il dolore di fronte a situazioni stressanti. Salposky nel suo libro "Why Zebras Do Get Ulcers", spiega come un topo stressato impiega più tempo a notare il calore emesso camminando su una piastra calda. Lo stesso fenomeno si verifica per la zebra che, nonostante sia stata ferita, deve scappare dal leone.

Nei cani, lo stress, la paura o l'eccitazione eccessiva possono scatenare una scarica di adrenalina che può far sì che un cane non senta il dolore associato all'uso di shock o correzioni del collare. Ciò può indurre i proprietari a credere di possedere un "biscotto duro" e li spinge ad aumentare il livello di dolore al fine di ottenere una risposta in una spirale crescente di danni potenzialmente vicini all'abuso.

L'approccio ideale e più etico in questi casi, sarebbe andare alla fonte del problema attraverso tecniche di modifica del comportamento prive di forza come la desensibilizzazione e la controcondizione. Ma cosa sta succedendo dal punto di vista neurochimico? La risposta arriva da Roger Guillemin che ha scoperto che lo stress innesca il rilascio di beta-endorfine dalla ghiandola pituitaria. Mentre il dolore può essere temporaneamente soppresso, anche se torna presto una volta che l'evento stressante si attenua.

Come visto, i cani possono manifestare segni sottili quando si tratta di dolore, anche se non sono così segreti come i gatti. È nostro compito come proprietari raccogliere questi segni sottili in modo da poter intervenire in modo tempestivo. Dopotutto, conosciamo meglio i nostri cani e dovremmo essere in grado di riconoscere rapidamente eventuali cambiamenti.

Tag:  Cani Rettili e anfibi Animali da fattoria come animali domestici