Come insegnare a un parrocchetto a parlare

Contatta l'autore

Addestrare il tuo uccello a parlare

Suggerimenti per insegnare al tuo animale domestico a parlare

  1. Acquista il tuo parrocchetto quando è molto giovane.
  2. Compra un uccello. Se ne ottieni due, si legheranno tra loro e non con te. Naturalmente, se non ci sei più, la solitudine del tuo animale domestico può essere aiutata da un altro uccello, ma non aspettarti che comunichino con te.
  3. Incoraggia subito il legame offrendo una mano e poi una spalla su cui sederti.
  4. Ripeti le frasi in modo coerente.
  5. Non utilizzare una registrazione a meno che il tuo scopo non sia solo quello di ascoltarli parlare e non insegnare loro come comunicare. Gli uccelli comunicativi sono molto più interessanti degli uccelli che non hanno idea di cosa stiano dicendo.
  6. Associare le parole ai trigger. Il mio uccello Marilyn ha funzionato con i grilletti. Correva avanti e indietro sul trespolo e diceva: "Voglio venire fuori!" quando voleva uscire dalla sua gabbia. Diceva: "Hai fame?" quando il suo piatto era vuoto. Avrebbe ripetuto le frasi alla sua amica allo specchio ("Zippity doo daaaa, uccello sexy!") E sarebbe diventata particolarmente vocale al mattino (si riferiva a pettirossi e testicoli).
  7. Un ultimo consiglio: se vuoi un uccello amichevole che puoi mostrare a tutti, non usare un linguaggio offensivo attorno al tuo uccello. MAI.

My Parakeet Stories: Baby and Marilyn

Secondo me, i pappagallini sono il miglior tipo di uccello per far parte della tua famiglia. Addestrare il tuo animale domestico a parlare è tutto sulla personalità, il legame e la ripetizione.

La prima parola del bambino fu "miagolio"

Ho ricevuto il mio primo parrocchetto come regalo di Natale quando avevo 17 anni. Era abbastanza grande per essere solo, quindi si legò bene e imparò molto presto la sua prima parola: miagolò. Avevo un gatto che voleva "legare" anche con il mio uccello. Ecco perché ho appeso la sua gabbia al soffitto per impedire al gatto di "legarsi".

Pertanto, il gatto si siederebbe sotto la gabbia o proprio fuori dalla finestra e miagolare. . . per ore e ore. Si sedeva lì, indipendentemente dal fatto che mettessi del cibo nel suo piatto. Si sarebbe seduta lì, nonostante fosse stata cacciata via dozzine di volte durante il giorno. Si sarebbe semplicemente seduta lì e "miagolare". Ho dovuto chiuderla in bagno quando ho portato Baby fuori dalla sua gabbia. Ripetevo le frasi e lo tenevo alla guancia. Lo portavo in spalla e gli parlavo.

"Ciao Baby!" Vorrei ripetere.

"Meow", fu la risposta.

"Vuoi un piacere!" Direi, tenendo un pezzo di mela davanti a lui.

"Miao."

Gli ci è voluta una settimana per imparare a miagolare. Gli ci vollero altre cinque settimane per dire "Ciao Baby!" Perché era quello? Il mio gatto era un addestratore migliore di me, suppongo.

Nel giro di un anno, Baby è stata la sfortunata vittima di una pet sitter che non aveva idea di cosa stesse facendo. Devo prendermi la colpa perché non avrei dovuto dare la responsabilità a qualcuno che non aveva esperienza o si sentiva a proprio agio con gli uccelli.

Marilyn aveva un vocabolario enorme

Ci vollero altri sette anni prima che mi sentissi abbastanza sicuro di prendere un altro uccello. Avevamo pensato che "lei" fosse un "lui" e avevamo volutamente comprato un maschio perché avevamo sentito che i maschi erano i soli a parlare. Ma questa pappagallina era una giovane femmina e, per fortuna, ciò che avevamo sentito era sbagliato.

La portai a casa nella sua scatoletta e la misi direttamente nell'enorme gabbia che mio marito aveva messo insieme per lei. A questo punto, avevamo tre bambini piccoli e tutti abbiamo preso parte al legame e alla sua formazione per parlare. Certo, la prima frase che Marilyn (allora chiamata "Merlin") emerse fu da mio marito:

"Uccello sexy!" avrebbe dichiarato e poi avrebbe fatto dei baci.

Anni dopo, il nostro pappagallino aveva un enorme vocabolario e non tutte le parole che apprese provenivano da noi nel tentativo di insegnarle. Ci sorprenderà almeno una volta alla settimana con una nuova frase.

"Il timer è scaduto!" dichiarò quando il forno avrebbe ronzato.

"Fai una doccia e lavati i denti!" avrebbe ricordato ai bambini quando scendevano le scale al mattino.

"Scusami!" avrebbe gridato quando qualcuno avesse eruttato.

Amava le persone che avevano paura degli uccelli. Abbiamo tenuto la sua gabbia aperta per la maggior parte del tempo e quando abbiamo avuto una compagnia inaspettata, lei ha assolutamente rifiutato di entrare. Avrebbe appollaiato sulla testa e dichiarato invece il suo amore, e più avevano paura, più li amava.

Tag:  Cani Cavalli Animali esotici