Nutrire un coniglio: dieta ed esigenze nutrizionali

Contatta l'autore

Cosa nutrire un coniglio

Esistono molte diverse classificazioni delle composizioni dietetiche per gli animali. Le diete composte da materiale vegetale sono raggruppate come erbivore, le diete composte da materiale animale sono raggruppate come carnivore e le diete composte da materiale vegetale e animale sono considerate onnivore. Gli animali che devono mangiare materiale di una di queste categorie specifiche sono considerati obbligati di quel tipo di cibo. I conigli sono classificati come erbivori obbligati, il che significa che devono consumare materiale vegetale nella loro dieta per essere sani e prosperare.

Ci sono molte ragioni per cui gli animali evolvono per richiedere determinati tipi di alimenti. La selezione naturale garantisce che gli animali adottino le caratteristiche più utili per la loro sopravvivenza. Per sopravvivere e combattere la predazione, i conigli hanno molti adattamenti che aumentano la loro probabilità di fuga. Oltre ad avere gli occhi situati sul lato della testa, creando così un buon campo visivo per sorvegliare l'ambiente circostante; avere orecchie dritte esperte di suono incanalato; e avere una struttura del piede unguligrado per garantire il passo più lungo possibile; la dieta gioca anche un ruolo importante nella strategia di difesa dei conigli.

Diete Di Coniglio

Le diete di materiale secco e fibroso consentono ai conigli di mangiare in pianura aperta, un habitat che consente il rilevamento rapido e facile di tutti i predatori in avvicinamento. All'avvistamento di una tale minaccia, una dieta altamente fibrosa aiuta anche un coniglio nella sua rapida risposta di volo. Con le sue zampe posteriori muscolari e uno scheletro corporeo che comprende solo l'otto percento del suo intero peso corporeo, un coniglio è in grado di volare molto velocemente, un'abilità che non sarà ostacolata da uno stomaco riempito con un pasto di fibre. Un pasto con un alto contenuto di grassi o di acqua starebbe significativamente più pesante nello stomaco di un coniglio, potenzialmente rallentandolo e rendendolo vittima di un predatore più veloce.

Problemi di alimentazione del coniglio

Nel loro habitat naturale selvaggio, i conigli sono in grado di provvedere a se stessi e consumare pasti che soddisfano le loro esigenze dietetiche. Tuttavia, in cattività, è facile nutrire i conigli in modo tale da privarli di determinati nutrienti e dell'elevato contenuto di fibre che si sono evoluti per richiedere.

Quando si verificano tali carenze, ci sono effetti dannosi sulla salute dell'animale. I problemi gastrointestinali sono comuni nei conigli domestici e la maggior parte "sono legati a diete inadeguate (basso contenuto di fibre; alto contenuto proteico; alto contenuto di carboidrati) e alimentazione rara di prelibatezze alle quali il coniglio non è abituato" (Davies). Altri problemi derivano anche da una dieta squilibrata.

Problemi di salute causati da un'alimentazione scorretta

Nutrire giovani conigli con troppi carboidrati provoca enterite caratterizzata da crescita eccessiva di batteri indesiderati, l'eccesso di calcio può causare malattie renali, la tossiemia in gravidanza si verifica quando in gravidanza non viene nutrito i giusti nutrienti e può provocare convulsioni e l'urolitiasi è una condizione che coinvolge la formazione di calcoli urinari a causa del consumo di troppo calcio.

I fabbisogni dietetici dei conigli non sono ben compresi, tranne per il fatto che si nutrono meglio quando vengono nutriti con una combinazione di cibi che normalmente mangerebbero in natura, e "i problemi possono essere evitati se i conigli in cattività vengono alimentati con una dieta costituita principalmente da vegetazione fibrosa, come erba, fieno e erbacce fibrose "(Davies).

Coprofagia nei conigli

Un'altra caratteristica dietetica evolutiva del coniglio è la pratica della coprofagia. Ciò si riferisce alla produzione di feci dure e morbide e all'ingestione di quest'ultimo tipo direttamente dall'ano. Lo scopo di questo comportamento particolare è quello di ottenere "acqua, proteine ​​e vitamine del gruppo B di cui il coniglio ha bisogno" (Gendron 41), che sono tutti contenuti nelle loro feci molli.

I problemi sorgono quando allevano conigli in cattività se i proprietari considerano questo comportamento disgustoso e tentano di fermarlo. La coprofagia è necessaria per la salute di un coniglio e "quando si tenta di impedire a un coniglio di mangiare questa feci o se il coniglio è colpito e non passa le feci, si ammala per mancanza di questi nutrienti" (41). A causa delle loro limitazioni anatomiche, i conigli non sono in grado di assorbire tutti i nutrienti necessari dai loro pasti durante la prima digestione; e il cibo deve essere processato più volte per trarre il massimo beneficio dal suo contenuto.

L'evoluzione ha modellato le esigenze dietetiche del coniglio. L'ingestione di mangime ad alto contenuto di fibre ha permesso al coniglio di sopravvivere e prosperare e ha sviluppato molte caratteristiche che completano e dipendono da questa dieta. Questa dipendenza dovrebbe essere presa in considerazione quando i conigli vengono allevati in cattività e la loro fonte di cibo viene fornita loro esclusivamente dai loro custodi. Al fine di avere animali domestici idealmente sani, le diete dovrebbero imitare il più possibile l'assunzione di cibo naturale di un coniglio, poiché la maggior parte delle deviazioni dai mangimi naturali comporta gravi problemi di salute.

fonti

1. Le cliniche veterinarie del Nord America. Exotic animal practice [1094-9194] Davies, RR anno: 2003 vol: 6 iss: 1 pg: 139

2. Gendron, Karen. Manuale del coniglio. Barron's Educational Series, Inc. Hauppauge, New York 2000.

Tag:  Salute Proprietà dell'animale domestico natura