Rabies Vaccine Waivers for Dogs: Cosa sapere

La mia esperienza Come ottenere esenzioni da vaccino contro la rabbia per i miei cani

Ho sempre pensato che sarebbe stato facile ottenere un'esenzione dal vaccino contro la rabbia una volta che i miei cani avrebbero dovuto sottoporsi alla loro prossima vaccinazione a dieci anni. Dieci è un'età abbastanza notevole per una razza come il Rottweiler, che non è benedetta con una durata di vita molto lunga rispetto a molti cani di piccola o media taglia. Inoltre, questa razza è soggetta a più malattie di salute come diverse forme di cancro (in particolare il cancro alle ossa).

Ho fatto uno sforzo in più per mantenere i miei cani in ottima forma da quando hanno raggiunto i loro anni d'oro perché mi hanno offerto così tanto a livello personale. Lo devo a loro per renderli felici e in salute il più a lungo possibile. Nutro loro una dieta di alta qualità e offro loro diversi integratori per affrontare disturbi legati all'età come artrite, problemi alla colonna vertebrale (per il mio maschio sterilizzato con problemi ai nervi pizzicati), disfunzione cognitiva e incontinenza urinaria (nella mia femmina sterilizzata). Pulisco anche i denti del mio cane ogni giorno e mantengo i loro mantelli in perfetta forma.

Quando è arrivato il momento per la loro vaccinazione contro la rabbia, sembrava quasi non necessario poiché le possibilità di esposizione sono così ridotte. Riconosco i pericoli della rabbia sia per i cani che per gli umani e rispetto gli sforzi fatti per contenere questo virus, ma i miei cani sono considerati a basso rischio a causa del loro stile di vita. (I miei cani vivono a casa e escono solo dal vasino nel nostro cortile recintato in sicurezza o in brevi passeggiate al guinzaglio.) Non è mia intenzione, tuttavia, eludere la legge (la rabbia è richiesta dalla legge), né minare la grandezza di un virus così grave e mortale.

Volevo fare un test del titolo di rabbia (un test che misura l'esistenza e il livello di anticorpi contro questo virus nel sangue) per determinare se i miei cani erano ancora coperti. Se lo fossero, speravo di ricevere una deroga a causa della vecchiaia dei miei cani, ma sembra che questo non accadrà. Se speri di ricevere un esonero da vaccino contro la rabbia per cani come me, leggi questo articolo in quanto ci sono diverse cose di cui dovresti essere a conoscenza.

Cosa dovresti sapere sull'esenzione dal vaccino contro la rabbia

Se stai chiedendo una deroga per la vaccinazione antirabbica, devi essere pronto a:

  • Fai tutto il possibile per ridurre al minimo il rischio che il tuo cane incontri animali selvatici (limita il tuo cane al guinzaglio e mantieni il tuo cane confinato nella tua proprietà).
  • Invia una nuova richiesta di rinuncia ogni anno senza alcuna garanzia che verrà concessa.
  • Avvisare immediatamente le autorità sanitarie pubbliche se il cane è potenzialmente esposto alla rabbia.
  • Avvisare immediatamente le autorità pubbliche se il cane morde una persona.
  • Tieni presente che se il tuo cane è potenzialmente esposto alla rabbia o morde una persona, il tuo cane verrà messo in quarantena.
  • Scopri se il tuo cane mostra segni di rabbia, verrà immediatamente eutanizzato.

Le moffette sono una specie di vettore di rabbia negli Stati Uniti

La rabbia è ancora prevalente negli Stati Uniti

La rabbia è un virus grave che può essere trasmesso dagli animali all'uomo (chiamato zoonosi) ed è una grave preoccupazione per la salute pubblica. Il virus provoca encefalomielite progressiva o infiammazione del cervello, una condizione neurologica devastante.

Gli animali predisposti alla rabbia sono noti come "specie vettoriali di rabbia" e comprendono procioni, moffette, volpi e pipistrelli. Il virus viene trasmesso da animale ad animale attraverso morsi, graffi e inoculazione per via aerea e ha un tempo di incubazione variabile (tempo tra esposizione e insorgenza dei sintomi) da 3 a 12 settimane. In alcuni casi, potrebbero essere necessari mesi prima che compaiano i sintomi (raramente più di 6 mesi).

Supponiamo spesso che la rabbia sia rara, ma il mio veterinario ha rifiutato la mia richiesta di test del titolo e di ottenere una deroga a causa della mia contea. Sono stato sorpreso di apprendere che la rabbia è ancora diffusa in molte località degli Stati Uniti.

Tieni a mente

Se la rabbia è prevalente nel tuo stato, sarà molto difficile ottenere un'esenzione dal vaccino contro la rabbia per il tuo cane.

Secondo un rapporto del 2017, nella mia contea si è verificato un diffuso focolaio di rabbia e un totale di 42 casi (la maggior parte dei quali riguardava moffette). La mia contea era sostanzialmente al secondo posto nello stato!

Puoi accedere alle informazioni sui casi di rabbia nella tua contea semplicemente cercando il nome della tua contea seguito da casi di rabbia per l'anno. Il tuo responsabile locale per il controllo degli animali potrebbe anche essere in grado di recuperare queste informazioni per te.

Rabbia I vaccini non sono facili da ottenere

Pochi Stati consentono esenzioni vaccinali contro la rabbia negli Stati Uniti

Potresti aver sentito proprietari di cani consigliare ad altri proprietari di cani di non vaccinare i loro cani anziani o malati. Questo consiglio è spesso diffuso nei forum e nei gruppi sui social media. Negli Stati Uniti, solo 18 stati consentono esenzioni e il mio stato non è uno di questi. Se lo avessi saputo, non avrei perso tempo a chiamare le cliniche veterinarie chiedendo se fosse possibile ottenere una deroga.

Secondo il Rabies Challenge Fund, gli stati che consentono esenzioni per la rabbia includono:

  • Alabama
  • California
  • Colorado
  • Connecticut
  • Florida
  • Illinois
  • Maine
  • Massachusetts
  • Maryland
  • New Hampshire
  • New Jersey
  • Nevada
  • New York
  • Oregon
  • Pennsylvania
  • Vermont
  • Virginia
  • Wisconsin

La vecchiaia non garantisce una rinuncia

Quali cani sono ammessi?

Se lo stato in cui risiedi è quello che consente l'esenzione dal vaccino contro la rabbia, non eccitarti troppo. Se il tuo cane è solo vecchio o immunocompromesso, ciò non è sempre sufficiente per ottenere una deroga. Secondo l'American Veterinary Medical Association (AVMA), l'uso di vaccini contro il virus della rabbia uccisi, i vaccini antirabbici inattivati ​​o ricombinanti non sono controindicati nella maggior parte degli animali immunocompromessi e l'età avanzata da sola non giustifica una rinuncia al vaccino contro la rabbia.

Poiché la rabbia continua ad essere un problema di salute pubblica significativo, le deroghe non dovrebbero essere emesse arbitrariamente su richiesta del cliente e dovrebbero essere basate su prove cliniche che l'animale sarebbe a rischio considerevole di essere danneggiato dal vaccino a causa di una condizione medica diagnosticata.

- American Veterinary Medical Association

L'ammissibilità viene determinata solo se la vaccinazione mette in grave pericolo la salute di un cane. Al giorno d'oggi, il vaccino contro la rabbia è considerato relativamente "sicuro" da dare, quindi sembra che i cani eleggibili possano essere quelli che sono molto fragili o che hanno avuto una reazione pericolosa per la vita alla vaccinazione.

Una volta che il veterinario ha compilato il modulo per un'esenzione, il processo non è finito. Un agente dell'autorità sanitaria pubblica deve prendere la decisione finale in merito alla concessione o alla negazione dell'eccezione.

Le deroghe ai vaccini vengono con i rischi

Considera le responsabilità di rinunciare al vaccino

Se ti capita di vivere in uno stato in cui il veterinario è autorizzato a fornire un'esenzione e un agente dell'autorità sanitaria pubblica lo approva, potrebbe essere necessario eseguire un test del titolo anticorpale nel siero della rabbia. Prima di andare così lontano, potresti voler considerare le ripercussioni della rinuncia.

"Attenzione alle esenzioni di vaccinazione: possono tornare a morderti. La vecchiaia e un ambiente protetto non sono motivi adeguati per esentare un animale da una vaccinazione contro la rabbia obbligatoria per stato."

- Marc Rosenberg, VMD

Prima di tutto, dimentica di ottenere una deroga per tre anni. Le esenzioni dalla rabbia sono valide solo per un anno e dovrai rinnovare il documento e seguire lo stesso processo ogni anno. Inoltre, non molti veterinari sono disposti a compilare un modulo di esenzione dalla rabbia e per una buona ragione: è rischioso. Bisogna mettersi nella posizione del veterinario, il che comporta molte responsabilità.

Sono disponibili opzioni alternative

Discutere le opzioni alternative con il veterinario

Molti proprietari di cani anziani o con condizioni mediche che non sono in grado di ottenere una deroga si chiedono spesso cosa possono fare per ridurre al minimo le possibilità di reazioni avverse al vaccino o vaccinosi. I proprietari di cani sono preoccupati per gli additivi in ​​scatti come alluminio e thimerosal. Ecco alcuni suggerimenti e opzioni che puoi discutere con il tuo veterinario o veterinario olistico:

  • Riferisci sempre al veterinario le reazioni avverse al vaccino. Il veterinario ne terrà conto nella tabella del cane e prenderà misure precauzionali la prossima volta.
  • Se il tuo cane ha una reazione avversa, chiedi al veterinario se il pre-trattamento con Benadryl potrebbe essere utile.
  • Chiedi al veterinario di usare un vaccino contro la rabbia senza thimerosal. Un esempio di questo è IMRAB 3TF di Merial. RABVAC 3 TF non è più disponibile negli Stati Uniti
  • Consultare un veterinario olistico su come prevenire / curare la vaccinosi. Il Dr. Jean Dodds suggerisce l'uso di Thuja e Lyssin per i vaccini contro la rabbia.

Puoi pre-trattare i cani con l'omeopatia orale, Thuja e Lyssin, per aiutare a smussare gli effetti avversi del vaccino contro la rabbia. Per altri vaccini, è necessario solo Thuja. Questi omeopatici possono essere somministrati il ​​giorno prima, il giorno e il giorno dopo il vaccino.

- Dr. Jean Dodds

Riferimenti

  • DVM360: Vaccinazione contro la rabbia: i veterinari dovrebbero esentarli o no?
  • AVMA: Modulo di esonero dalla vaccinazione annuale per la rabbia
  • AVMA: Esonero dalla vaccinazione annuale contro la rabbia
  • Dr. Jean Dodd: protocollo di vaccinazione
  • National Association of Public Health Veterinarians (NASPHV): Compendium of Animal Rabies Prevention and Control, 2016
Tag:  Gatti natura Animali da fattoria come animali domestici