Prepararsi a consegnare un puledro: otto fasi emozionali di un allevatore di cavalli

Contatta l'autore

Chiunque abbia avuto una cavalla in ritardo può facilmente riconoscere queste otto fasi del parto - in se stesse, cioè. Dopo quasi un anno di attesa dell'arrivo del puledro, diventiamo un po 'impazienti!

Fase uno: eccitazione

Ah, la gioia che proviamo quando il veterinario, il braccio immerso nelle regioni inferiori della cavalla, ci strizza l'occhio e dice: "C'è un bambino lì dentro!" Che emozione! Tra soli 340 giorni ci sarà un nuovissimo puledro sul terreno, i suoi minuscoli zoccoli coperti di "pantofole dorate", il suo muso coperto da morbidi baffi e il suo corpicino sfocato coperto da quel nuovo odore di cavallo. Non possiamo aspettare. Non c'è niente come un nuovo puledro.

Non ci sono dubbi: siamo eccitati. Per undici mesi, nutriamo quella cavalla. Proviamo a immaginare come sarà il puledro; sarà un puledro o una puledra? Che colore? Elaboriamo la genetica dei colori. Redigiamo potenziali nomi su ritagli di carta. Contrassegniamo la data di scadenza nel nostro calendario. Siamo felici di dire ai nostri amici: "Oh, non posso proprio andare quel giorno. Ci sarà un nuovo puledro quella settimana!" Pubblichiamo le foto della nostra cavalla incinta su Facebook. Siamo eccitati

Seconda fase: apprensione

Con l'avvicinarsi della giornata, però, cambiamo. Proprio come il corpo della cavalla cambia e il puledro cambia posizione, iniziamo a passare dall'eccitazione all'apprensione. Iniziamo a leggere la pila di libri sul parto. Il nostro cuore salta un battito quando arriviamo alla parte sulla "distocia" o "borsa rossa". Sappiamo che il 90% delle fattrici puledri senza alcuna difficoltà - e che le fattrici stanno pulendo da migliaia di anni senza di noi proprio lì per aiutare - eppure riteniamo che dovremmo prepararci al peggio, per ogni evenienza. Leggiamo le storie spaventose e guardiamo le immagini spaventose e iniziamo a temere ciò che potrebbe - potrebbe - andare storto.

Nel frattempo, la nostra cavalla è perfettamente felice. Si sta godendo la massima attenzione, il cibo extra che diamo per assicurarsi che stia ricevendo abbastanza nutrizione per sostenere lei e il puledro. Adora il tempo che dedichiamo alle sue esigenze, a tenere in ordine la bancarella e a pulirla in modo che sia bellissima in quelle prime foto con la nuova bambina.

Terza fase: Negazione

Ma il giorno 340 va e viene. Controlliamo religiosamente la cavalla - più volte al giorno. Spremiamo alcune gocce di latte, controllando la consistenza e il colore. Osserviamo l'insacco, l'inceratura, i cambiamenti comportamentali, l'ammorbidimento dei muscoli intorno alla coda, i cambiamenti nella forma del corpo. Dormiamo nella stalla vuota del fienile, circondati da sacchi a pelo e culle, torce elettriche e tazze termiche piene di caffè. Ci guardiamo allo specchio la mattina dopo e proviamo a lavare le occhiaie da sotto i nostri occhi. Torniamo al fienile e fissiamo di nuovo la cavalla: questo non può essere reale. Non può essere in ritardo.

Ogni volta che ci svegliamo ci affrettiamo alla stalla dei puledri, guardando prima per vedere se la cavalla è in piedi, quindi procedendo verso il basso. Sappiamo subito se è stata presa in giro solo guardando le sue orecchie: una volta arrivato un puledro, le orecchie della cavalla si inclinano all'indietro; la sua attenzione è interamente rivolta a quel piccolo bambino. Se le sue orecchie sono su di noi mentre ci avviciniamo, non c'è ancora nessun bambino. Non ci possiamo credere.

Ricalcoliamo i giorni di riproduzione. Qualcosa deve essere sbagliato: non può essere in ritardo. Il proprietario dello stallone deve aver fatto un errore. Abbiamo organizzato solo tre giorni liberi dal lavoro per essere qui. Questo non può succedere. Perché io, Signore? Non possiamo credere che, dopo tutto, abbiamo pianificato, nutrito, nutrito e organizzato che la nostra cavalla non produce.

Quarta fase: rabbia

Siamo stanchi, adesso. Avrebbe dovuto ingannare tre giorni fa. Abbiamo trascorso un anno a preparare questa cavalla per questo evento e lei non ha ancora fatto niente di male. Abbiamo investito nella sua buona salute e assicurato la sua forma fisica. Abbiamo tirato le scarpe, avvolto la coda e rinunciato a settimane di sonno - e questo è il ringraziamento che riceviamo? Passiamo dalla nostra gentilezza educativa al fastidio e alla rabbia. Smettemmo di chiamare la cavalla, "Sweet Mama", ogni volta che le siamo vicini, e iniziamo a chiamarla "Nasty Old Bag!"

Siamo stati traditi e non siamo bravi. Gli amici chiamano e chiedono "È già qui?" e lo giuro ad alta voce. Diciamo loro che chiuderemo la porta della stalla sulla giumenta e spremeremo quel bambino. Loro ridono. Riattacciamo.

Smettiamo di massaggiarla quotidianamente e la inseguiamo un po 'attorno al recinto, in parte perché sappiamo che l'esercizio fisico fa bene alle fattrici in gravidanza, e in parte perché ci fa sentire meglio vedere il suo legname in giro in quel modo.

Fase cinque: contrattazione

La rabbia non ci ha portato da nessuna parte. Ora è una data di scadenza di una settimana intera. Essere stanchi ha ceduto a una stanchezza da zombi su tutto il corpo. Iniziamo a contrattare con la cavalla. "Dai, piccola Cody. Prendi il puledro stasera e non ti venderò mai. Cosa vuoi, Cody? Più purè di crusca? Cosa ti serve da me? Qualunque cosa sia, ce l'hai. puledro, Cody. Fallo stasera. " Ci guarda con quegli occhi grandi, rotondi e morbidi. Solleva leggermente la coda - tratteniamo il respiro in anticipo - e passa gas. Mares.

Facciamo altre promesse. Promettiamo che le compreremo una nuova maschera da mosca e che abbandoneremo gli speroni e che non la spegneremo mai più con la cavalla del capo e lasceremo che venga spinta in giro. Porteremo le sue carote ogni giorno e due volte nei fine settimana. Avrà una vita così bella. Basta avere il puledro. Suoniamo come un venditore di auto usate: "Allora, cosa ci vorrà per farti imbrogliare stasera?"

Fase sei: depressione

Siamo in ritardo di dieci giorni. La cavalla ondeggia come un'oca con il pannolino di una cacca. Ehi, potrebbe non avere senso, ma quando è stata l'ultima volta che abbiamo dormito bene? Siamo preoccupati, affaticati e depressi. Siamo svogliati e non riusciamo più a eccitarci. "Allora, nuovo bambino in arrivo, eh?" qualcuno dice, intendendo bene. Li guardiamo con tutta l'emozione che possiamo raccogliere a questo punto. "Sì, che ne dici?" mormoriamo. "Qualunque cosa." A questo punto, pensiamo che rinunceremo completamente ai cavalli se avremo l'energia per farlo. Perché abbiamo mai allevato il nostro cavallo comunque? Siamo perdenti.

Fase sette: accettazione

Due settimane dopo e va tutto bene. Abbiamo ceduto ai capricci capricci e capricci degli dei pagani pony. La natura farà il suo corso. "Quand'è che quella cavalla sta per prendere il puledro?" chiedono i nostri amici. "Quando è pronta" sorridiamo. "Non sei preoccupato?" dicono. "Oh, no, qualunque cosa accadrà accadrà", diciamo stoicamente. Smettemmo di avvolgere la coda della cavalla ogni notte; sappiamo che non possiamo sbrigarci. Riconosciamo che tutto potrebbe andare bene, ma anche se non lo è, possiamo gestirlo. Abbiamo smesso di dormire nel fienile.

Controlliamo la cavalla a mezzanotte. È semplicemente lì, perfettamente soddisfatta. Siamo bravi con quello. Abbiamo un atteggiamento zen, ora. Que sera, sera. Quel che sarà sarà.

Passano tre settimane. Quattro. La cavalla porta il puledro da oltre un anno. Chiamiamo il veterinario ... ma invece di porre domande in preda al panico, lasciamo un messaggio allegro: "Bene, è passato più di un anno. È seriamente in ritardo. Ma non è in difficoltà, e lo avrà quando sarà pronta per avere it! Ci sentiamo più tardi! " Siamo passati dal passivo al sublime. Noi dormiamo.

Il primo giorno del 2011 Filly Sassypants

Fase otto: eccitazione

Andiamo nel fienile. Dopotutto, sono passati 368 giorni dall'ultima volta in cui è stata allevata la cavalla. Siamo veterani di combattimento di gestazione induriti dalla guerra. Abbiamo già creato il nostro chai, nel modo giusto, con una bustina di tè, senza inzuppare e miele, pre-mescolato e sciolto prima di aggiungere il chai e un po 'di panna montata sopra. Dopo tutto, perché affrettarsi? La cavalla non avrà quel puledro in qualunque momento presto, comunque ... diamine, è passato un anno. Perché affrettarsi?

Non appena usciamo dalla porta principale, però, la percepiamo. Possiamo vederle le orecchie, inclinate all'indietro come fanno loro; il suo collo, piegato al sondaggio mentre si allunga per aggirare quello che può essere solo un puledro nuovo di zecca. È vigile dappertutto, splendente, davvero splendente. È vero. Si illuminano. Trasudano felicità. Fa quel piccolo "eh, eh" rumore che le cavalle fanno ai loro bambini. Iniziamo a fare jogging, abbastanza lentamente da non spaventare la nuova mamma. Chai esce dalla tazza. Diavolo, gettiamo la coppa nell'arbusto. Siamo in un momento adesso. C'è un nuovo bambino! È qui! È in piedi! Ha tutte le sue parti di cavallo nuovo, mignoli, dita dei piedi - beh, piccoli zoccoli, comunque.

Iniziamo a chiamare, inviare SMS, twittare e scattare foto del bambino con i nostri smartphone contemporaneamente. "È qui!" è tutto ciò che dobbiamo dire e il mondo lo sa. I nostri amici a cavallo rispondono: "Uno o due buchi?" e ci rendiamo conto, nella nostra fretta di controllare la placenta e immergere il moncone ombelicale e imprimere il puledro e ammirare i segni bianchi che non abbiamo verificato per vedere se è un lui o una lei. È imbarazzante per la nostra eccitazione renderci conto che abbiamo appena immerso la sua parte da ragazzino nell'antisettico e abbiamo perso del tutto il moncone ombelicale, ma succede. Siamo eccitati Lui è qui.

L'abbiamo fatto. Abbiamo avuto il nostro puledro. Lui è bello! E sembra che solo ieri abbiamo allevato quella cavalla. Stiamo tornando indietro? Ridiamo. Ovviamente! Non vediamo l'ora di farlo di nuovo! Niente è più eccitante di avere un puledro con cui non vediamo l'ora!

Tag:  Animali da fattoria come animali domestici Pesci e acquari natura