Come sbarazzarsi di "alghe brune" (diatomee) in acquari d'acqua dolce

Contatta l'autore

Le alghe brune possono essere un delizioso pasto o un brutto porco di ossigeno, a seconda del tipo di animale che scegli di tenere nel tuo acquario. Quando i proprietari di acquari parlano di "alghe brune", in realtà parlano di diatomee, microscopiche creature brunastre o verdastre con scheletri vetrosi. (Quando i botanici parlano di "alghe brune", probabilmente stanno parlando di grandi alghe lontanamente correlate.)

Comprensione delle "alghe brune" (diatomee)

Di cosa hanno bisogno le "alghe brune" per vivere? È meglio ricordare sempre che sebbene le diatomee possano e sintetizzino il cibo usando la luce solare (o quasi qualsiasi luce, per quella materia), non hanno bisogno della luce nello stesso modo in cui le alghe o le piante normali hanno bisogno della luce. Vale a dire che le diatomee non ottengono energia esclusivamente dalla luce stessa.

Ecco le condizioni che sono benefiche per le diatomee:

  • Leggero
  • Silicati (rocce o sabbia contenenti silice)
  • Nitrati (un prodotto di scarto della vita dell'acquario)
  • Acqua ferma o stagnante
  • Acqua dura o ricca di minerali

Le due principali differenze tra le alghe vere e le diatomee sono che le alghe regolari non consumano silicati e che le alghe normali possono essere sradicate eliminando la luce o i nitrati. Il problema che molte persone incontrano con le diatomee è che, indipendentemente da quanto tempo lasci le luci spente, le diatomee persistono. E se tu fossi in grado di eliminare in qualche modo la maggior parte dei nitrati dall'acquario, le diatomee consumerebbero anche i silicati, o invece.

Quindi il primo passo per sbarazzarsi delle alghe marroni è cancellare la parola "alghe" dal tuo pensiero su questa roba.

Il secondo passo è assicurarsi che il serbatoio abbia un'adeguata filtrazione (il sistema di filtraggio è valutato per la capacità gallone dell'acquario). L'acquariofilo dovrebbe tenere presente che molti dei filtri stile "appendi sul retro" possono esporre l'acqua a una grande quantità di luce, a seconda della marca del filtro e dell'illuminazione ambientale della stanza.

Il terzo passo è rendersi conto che anche se si può avere un'adeguata filtrazione, è necessario anche il movimento dell'acqua per scoraggiare le diatomee. Puoi ottenere il movimento dell'acqua usando prodotti chiamati "powerheads" o "produttori attuali". Questi muovono l'acqua nel serbatoio, realizzando due cose:

  • Le diatomee non sono molto forti e non nuotano. Un produttore attuale impedirà loro di ancorarsi ovunque, impedendo così la loro crescita.
  • Il movimento dell'acqua aggiunto manterrà filtrata tutta l'acqua nel serbatoio, anziché solo una percentuale.

Per il passaggio quattro, è necessario eseguire alcuni lavori pratici con il serbatoio. Rimuovere con molta attenzione tutte le piante e gli ornamenti dal serbatoio, lasciando solo substrato (rocce o sabbia) e hardware (filtri, riscaldatori e così via). Pulisci le diatomee dalle superfici dell'hardware e prova a strofinare dalle rocce o dalla sabbia al meglio delle tue capacità. Potresti candeggiare tutte le piante e gli ornamenti in questo momento, oppure puoi strofinarli con una spugna abrasiva. Ad ogni modo, togli le diatomee dalle piante e dagli ornamenti mentre NON sono all'interno del serbatoio.

Il passaggio 5 dovrebbe essere abbastanza ovvio una volta rimosso tutto dal serbatoio. Effettuare un cambio d'acqua dal 30% al 50% (dopo aver pulito l'hardware e il substrato). Quindi restituisci tutti gli ornamenti e le piante all'acquario.

Il passaggio sei è l'ultimo e lo stesso dell'ultimo passaggio su una bottiglia di shampoo. RIPETERE. Fallo circa ogni due settimane e vedrai fiorire meno le diatomee ogni volta (dovresti farlo solo due o tre volte).

Se questi passaggi non funzionano per il tuo acquario, potrebbe essere che:

  • il tuo acquario è esposto a troppa luce,
  • non c'è abbastanza movimento dell'acqua nel serbatoio,
  • continui a strofinare le diatomee nell'acqua del serbatoio, o
  • ci sono troppe diatomee nel substrato.

"Alghe brune" in un serbatoio di acqua salata

Pulizia di un serbatoio di acqua dolce per rimuovere "alghe brune"

Tag:  Salute Animali esotici Nutrizione