Addestramento del cavallo: quando è l'abuso di disciplina?

Contatta l'autore

Disciplina e abuso

In questi giorni, l'abuso di animali è diventato un importante problema sociale. Le opinioni sulla questione vanno da coloro che credono che gli animali siano solo proprietà e che possano fare ciò che vogliono loro fino alle opinioni estreme sostenute da alcuni membri del PETA.

Personalmente sono stato attaccato per aver affermato che l'uso di una frusta è accettabile in determinate circostanze e per aver detto che non ne porto sempre una. Quindi, alcune persone tracciano la linea in luoghi diversi.

Tuttavia, potrebbero esserci delle buone regole pratiche da seguire in merito.

Psicologia equina

Per capire dove dovrebbe essere la linea, bisogna capire i cavalli. Ho avuto troppi rapporti con una donna che credeva (e convinceva gli altri) che i cavalli avevano pelli così spesse che a malapena lo sentivano quando le picchiavi. Non mi ha mai convinto, ma ha insegnato a molti bambini a battere i cavalli.

I cavalli sono, infatti, molto sensibili al contatto fisico di ogni tipo. In effetti, gran parte della comunicazione tra cavaliere e cavallo avviene utilizzando il sedile e le gambe. I cavalli rispondono rapidamente alla disciplina fisica e alla ricompensa fisica. (Se vuoi davvero rendere felice il tuo cavallo, prova a grattare delicatamente la base della criniera a metà del collo, lo adorano.)

Inoltre, i cavalli hanno una memoria sorprendentemente buona. Gli studi hanno dimostrato che i cavalli ricordano le persone che li trattano bene e le persone che li trattano male. Ho assistito personalmente a un cavallo che mostrava sicuramente segni che ricordava che "le cose del genere hanno sempre dei dolcetti" quando la persona interessata non era lì da diversi mesi. Per questo motivo, i cavalli sono quasi vulnerabili al trauma quanto lo sono gli umani.

Ad esempio, qualcuno che conosco aveva una castrazione Standardbred vincente multi-stake che si è trasformata in un bellissimo cacciatore. Aveva avuto una carriera lunga e di grande successo (era solo castrato per motivi medici), ma poi aveva un brutto incidente in pista che ha provocato l'atterraggio imbronciato su di lui. Quel cavallo non andò mai più nell'imbracatura; era semplicemente riluttante a essere messo in qualsiasi tipo di carrozza. Puoi biasimarlo?

Inoltre, i cavalli non comprendono facilmente il cambiamento. Un cavallo che viene spostato in una stalla diversa può continuare a provare ad andare a quello vecchio per mesi. Pertanto, è probabile che un cavallo maltrattato conservi cicatrici psicologiche per un lungo periodo di tempo.

Il secondo aspetto chiave della psicologia equina è che i cavalli non considerano le conseguenze a lungo termine. I cavalli sono consapevoli solo delle conseguenze immediate. Pertanto, le correzioni devono essere applicate immediatamente e rapidamente. Se aspetti di tornare al fienile, il tuo cavallo avrà dimenticato ciò che ha fatto di sbagliato. Qualsiasi forma di disciplina che si basa sul cavallo a comprendere le conseguenze non immediate è inefficace e potrebbe essere considerata un abuso.

L'importanza vitale del rilascio nell'addestramento dei cavalli

Da "conseguenze immediate" deriva un aspetto vitale e centrale dell'addestramento dei cavalli.

Quando chiediamo a un cavallo di fare qualcosa, usiamo, per la maggior parte, il contatto fisico direttamente attraverso il sedile e le gambe o indirettamente attraverso la redine. Anche la voce è importante (i conducenti di carrozze spesso fanno molto affidamento sulla voce poiché l'unico contatto che hanno con gli animali è attraverso le redini).

Ad esempio, se un cavaliere vuole che un cavallo trotto, chiuderà le gambe sui lati del cavallo e sposta il sedile leggermente in avanti. Non appena il cavallo trotta, tuttavia, rilassa di nuovo le gambe. Potrebbe tenere un po 'la gamba interna sul cavallo perché ciò aiuta l'equilibrio del cavallo, ma nel momento in cui il cavallo trotta, gli aiuti vengono fermati. Questa è la versione.

Rilascio, abbastanza semplicemente, è che quando il cavallo fa quello che vuoi, smetti di disturbarlo. I cavalli a cui non viene concesso il rilascio generalmente impareranno a ignorare i segnali. Questo si chiama desensibilizzazione ed è comune nei cavalli cavalcati dai principianti. Questo tende a portare a un'escalation di segnali sempre più forti e può finire con la frusta che esce.

Quando si applica la disciplina, ricordarsi di rilasciare. Troppo spesso vedrai un cavaliere - a volte un cavaliere da competizione avanzato - colpire un cavallo per aver rifiutato e poi continuare a colpirlo, qualunque cosa faccia. (La metà delle volte il rifiuto è stato comunque colpa loro.)

Non solo colpire un cavallo 8 o 10 volte comporta il rischio di ferire l'animale fisicamente o mentalmente, ma viola completamente il principio di rilascio. Non appena il cavallo fa quello che chiedi, la pressione deve allentarsi. Un cavallo che viene picchiato non ha la possibilità di fare ciò che il cavaliere vuole, ma viene solo molestato e sottoposto a pressioni.

A volte, è garantito dare a un cavallo un colpetto con la frusta, ma ricorda che è una pressione e deve essere seguito dal rilascio. Ad esempio, se un cavallo non va avanti, la tecnica dovrebbe essere spremere, toccare, quindi spremere di nuovo. Questo dà al cavallo la giusta possibilità di fare ciò che vuoi quando lo chiedi bene.

Il cavallo ha effettivamente fatto qualcosa di sbagliato?

Una questione molto importante per la linea è che un cavallo dovrebbe essere disciplinato solo se ha effettivamente fatto qualcosa di sbagliato.

Tornando allo stesso individuo che ha dato la linea "i cavalli hanno la pelle spessa", questa persona ha anche creduto che se un cavallo fosse spaventato, il modo migliore per risolverlo era quello di rendere il cavallo ancora più spaventato da te.

Colpire un cavallo che è spaventato, ansioso o doloroso è sempre un abuso. Un cavaliere impara a determinare cosa sta succedendo. Ad esempio, se un cavallo ha sempre galoppato prima e improvvisamente inizia a muoversi, probabilmente non è cattivo. Più probabilmente, qualcosa lo disturba.

Un problema comune che deve sempre essere preso in considerazione è che quando i cavalli vengono addestrati le loro spalle cambiano effettivamente forma. Un cavallo verde che è appena stato sostenuto ha poco muscolo su quella che viene chiamata la "linea superiore". Un cavallo in forma può avere molto. Molte volte, un allenatore inesperto scoprirà che il suo cavallo verde inizia improvvisamente a giocare per circa due mesi al lavoro. Potrebbero pensare, o addirittura sentirsi dire, che il cavallo sta attraversando una fase di "prova", quando spesso gli inevitabili cambiamenti fisici hanno portato a una sella che si adattava perfettamente quando il cavallo era supportato e non si adattava più. Molti istruttori professionisti usano selle con alberi regolabili proprio per questo motivo.

Un cavallo non dovrebbe essere battuto se è spaventato, ma piuttosto dovrebbe essere lavorato per aiutarlo a superare la sua paura. Ho visto i cavalli reagire con paura alle cose più strane, come entrare in una stalla o un cavallo che saltava qualsiasi cosa fintanto che non aveva un fossato sotto di essa. Tali paure apparentemente irrazionali sono spesso il risultato di qualcosa nel passato dell'animale. Il cavallo che non entrerà in una stalla potrebbe essere stato, ad un certo punto, intrappolato in uno. Il cavallo che spaventa i fossati potrebbe essere stato bloccato sotto un recinto con un fossato sotto di esso. Ho anche riscontrato autentiche fobie negli equini, ma la maggior parte delle volte c'è qualche incidente scatenante. I cavalli che hanno paura di cose particolari possono essere desensibilizzati con tempo e pazienza. In molti casi, tuttavia, il cavallo che viene picchiato per paura non ha più paura di ciò di cui aveva paura, ma del suo gestore. Tali animali hanno bisogno di riqualificazione per insegnare loro a fidarsi di nuovo degli umani.

Inoltre, i cavalli non dovrebbero essere battuti se reagiscono così come sono a causa del dolore e della virata inadeguata. Un comportamento scorretto improvviso da parte di un cavallo che normalmente è un angelo è il 90% delle volte causato da un disagio fisico di qualche tipo. Certo, conoscere il tuo cavallo e come si comportano normalmente è la chiave.

Esiste un modo migliore?

Inoltre, considera se esiste un modo migliore per comunicare con l'animale.

Ad esempio, nel caso di un comportamento scorretto cronico o di un cavallo che sta lanciando bizze (ho visto sia cavalli verdi che cavalli più anziani che non sono stati ben addestrati a lanciare bizze), spesso è molto più efficace lavorare il cavallo fino a quando il comportamento scorretto cessa e quindi termina immediatamente la sessione scolastica.

Se un cavallo si rifiuta di fare una manovra specifica e il dolore e il disagio sono stati eliminati, allora è molto più efficace allenare l'ultima manovra e terminare la sessione non appena è stata eseguita correttamente, fino a quando il cavallo non lo fa.

Terminare la sessione di scolarizzazione una volta che il cavallo ha fatto ciò che si desidera è, ovviamente, la "liberazione" definitiva.

Per problemi a terra, la voce e il linguaggio del corpo tendono ad essere più efficaci della frusta, anche se ho usato una frusta come barriera per convincere un cavallo del concetto di "spazio personale".

Infine, se il comportamento scorretto sta scappando o "decollando", l'uso di qualsiasi tipo di disciplina fisica tende ad essere controproducente. Alcuni cavalli scappano a causa del disagio: scappare può essere un sintomo di una presa eccessiva. Se il cavallo lo sta facendo per essere un marmocchio, allora ho trovato solo una soluzione efficace. Questa soluzione è mantenere il cavallo in esecuzione. Quando prova a fermarsi, continua a funzionare. Non lasciarlo fermare fino a quando non lo dici. Di solito ci vogliono solo due o tre applicazioni per far capire al cavallo che scappare con te non è molto divertente. Colpire un cavallo che fugge sarà spesso usato come scusa per scappare di nuovo.

In sintesi

In breve, colpire un cavallo può essere disciplina o abuso. Alcune persone credono che qualsiasi uso della frusta sia un abuso. Tuttavia, seguono le buone regole empiriche:

  1. La disciplina deve aver luogo immediatamente dopo il comportamento scorretto. Nota che legare un cavallo e lasciarlo a pensare a ciò che ha fatto non funziona sui cavalli.
  2. Un cavallo non dovrebbe mai essere disciplinato per aver paura o parlare.
  3. Un cavallo non dovrebbe essere disciplinato se vi è il ragionevole sospetto che possa avere dolore o disagio.
  4. Qualsiasi disciplina dovrebbe essere seguita da un rilascio immediato, supponendo che il comportamento scorretto si sia effettivamente fermato. Non è quasi mai necessario colpire un cavallo più di una volta.
  5. Per alcuni comportamenti scorretti, l'uso della frusta non è il metodo di disciplina più efficace.
Tag:  Corpo Umano conigli Formazione-Center