Alimenti e bevande che sono velenosi o malsani per cani e gatti

Contatta l'autore

Proteggere Sylvester, Toto, Dolly, Polly

Diversi frutti, verdure, noci, semi, condimenti, additivi e droghe sono tossici per gli animali domestici.

Alcuni danneggiano solo i cani, altri solo i gatti e molti sono velenosi per entrambi.

Anche il bestiame, i roditori, le lucertole, i pesci e gli uccelli non sono immuni agli effetti negativi di alcuni alimenti.

Di seguito è riportato un elenco di alimenti potenzialmente problematici che dovrebbero essere conservati in un luogo sicuro in cui un animale curioso e curioso non possa accedervi e danneggiarsi.

La prevenzione è la chiave per proteggere la salute degli animali che ami e che ti interessano.

FRUTTA VELENOSA

Mele

I semi di mela contengono composti di cianuro in grado di avvelenare un cane o un gatto se ingeriti o masticati. Il cianuro impedisce al sangue di fornire ossigeno ai tessuti corporei, causando il soffocamento.

Gli indicatori di problemi in un animale domestico sospettato di mangiare fosse, steli o foglie contenenti cianuro includono lo sviluppo di mucose rosse luminose, pupille allargate, difficoltà respiratoria, paura o nervosismo e segni di shock. La condizione può essere fatale se non trattata.

albicocche

Le fosse di albicocca e gli steli e le foglie del suo albero da frutto contengono il cianuro di veleno, una tossina potenzialmente fatale per cani e gatti.

I sintomi sono gli stessi dell'ingestione di semi di mela (vedi sopra). Inghiottite intere, le fosse possono anche provocare un'ostruzione o un blocco intestinale, che potrebbe richiedere un intervento chirurgico correttivo.

Avocado

La persina, una sostanza potenzialmente tossica con una struttura tipo acido grasso, è presente non solo nella fossa dell'avocado e nei frutti circostanti, ma anche nelle foglie e nella corteccia delle piante.

Sebbene innocuo per gli esseri umani a meno che qualcuno non abbia un'allergia alla persina e, in effetti, sia ritenuto utile per le donne che soffrono di cancro al seno, la persina (e quindi gli avocado) può essere fatale se ingerita da animali domestici.

Cani e gatti possono essere fortunati e non presentare alcun sintomo negativo se somministrati con il frutto verde; altri possono vomitare, sviluppare diarrea o una combinazione di entrambi. Tuttavia, per alcuni, le reazioni sono molto più gravi.

Insieme ad altri animali domestici, come conigli, capre, bovini, pecore, cavalli, uccelli e pesci, alcuni cani e gatti hanno problemi cardiaci, complicazioni respiratorie e infine la morte dopo aver ingerito cibi contenenti persina. Sintomi di reazioni gravi tra cui respiro affannoso, gonfiore dell'addome e accumulo di liquidi nel torace, nell'addome o nell'area circostante il cuore.

Oltre a questi problemi, sono stati osservati danni alla ghiandola mammaria in animali altamente sensibili, incluso il topo quando viene nutrito con foglie di avocado essiccate (4, 5). L'attenzione dovrebbe essere esercitata anche da pochi con bachi da seta come animali domestici; le parti di piante di avocado sono tossiche per questi ignari muncher di foglie.

ciliegie

La fossa delle ciliegie, come quella dell'albicocca, della pesca, della pera e della prugna, contiene una forma di cianuro.

Ingestione intera, possono causare problemi intestinali; le fosse ingerite e parzialmente o completamente masticate possono avvelenare fatalmente cani e gatti.

agrume

Arance, limoni e lime portano a vomito e diarrea nei cani. Mangiare pompelmo ha lo stesso effetto lassativo, ma è accompagnato dai sintomi di sensibilità alla luce e depressione.

I gatti hanno identici effetti negativi sull'ingestione di pompelmo.

I draghi barbuti beneficiano del consumo occasionale di agrumi; un consumo eccessivo provoca squilibri nutrizionali e possibile diarrea.

Ribes

I gatti alimentati con ribes possono subire danni ai reni a causa di alcune tossine sconosciute, ma potenti, contenute nella bacca.

Uva / Uvetta

Responsabile della morte di diversi cani, uva e / o uva passa in appena 9 once si sono rivelati letali. Animali leggermente più fortunati possono sperimentare danni ai reni, che richiedono cure mediche di emergenza, ma alla fine sopravvivono.

Alcuni cani molto fortunati potrebbero non avere alcun sintomo, ma poiché il motivo per cui l'uva nelle loro varie forme (fresca, essiccata, fermentata) è fatale per alcuni è ancora sconosciuto, bisogna fare attenzione anche se un animale ha mangiato uva nel passato senza incidenti. Questo perché le tossine possono essere in grado di accumularsi nel tempo e raggiungere livelli pericolosi solo gradualmente; un piccolo spuntino contenente uva qui e là potrebbe non essere problematico da solo, ma in combinazione può rivelarsi letale.

Se i cani mangiano grandi quantità di uva o uva passa, si consiglia di indurre il vomito, di far pompare lo stomaco e di assumere carbone attivo e liquidi per via endovenosa.

Come i cani, i gatti possono essere asintomatici oppure possono subire gravi danni ai reni se nutriti con uvetta o uva.

Bacche di vischio

Le bacche di vischio sono altamente tossiche per gli animali domestici; uno o due potrebbero rivelarsi fatali per il tuo cane o gatto.

Pesche

La fossa della pesca contiene cianuro, che è velenoso per cani e gatti.

I sintomi di avvelenamento sono gli stessi di quelli che hanno mangiato semi di mela (vedi sopra).

Le fosse di pesca possono essere doppiamente problematiche e creare un blocco intestinale se mangiate o ingerite.

cachi

I semi di questo frutto sono pericolosi per cani e gatti e possono provocare un intestino tenue infiammato o un blocco intestinale.

Prugne

Le fosse di prugna sono contenenti cianuro, nonché un potenziale pericolo se si depositano nell'intestino di cani o gatti.

I sintomi di avvelenamento sono gli stessi di quelli che hanno mangiato semi di mela (vedi sopra).

rabarbaro

Gli ossalati presenti nelle foglie delle piante di rabarbaro hanno effetti negativi sui sistemi nervoso, digestivo e urinario di cani e gatti.

VERDURE / ERBE POISONO

broccoli

La morte per broccoli è stata osservata in diverse razze di bestiame se comprende oltre il 25% della dieta; complicazioni gastrointestinali si verificano quando comprende oltre il 10%.

La sostanza problematica nei broccoli, l'isotiocianato, è considerata una forte irritante dell'apparato digerente.

Erba cipollina

L'erba cipollina contiene disolfuri, così come l'aglio e le cipolle, che danneggiano i globuli rossi di cani e gatti. Tuttavia, le cipolle sono più problematiche, poiché hanno una concentrazione di disolfuro molto più elevata, seguita da aglio e, infine, erba cipollina.

aglio

I solfossidi e disolfuri contenuti nell'aglio, freschi, cotti o in polvere possono danneggiare i globuli rossi e causare anemia sia nei cani che nei gatti.

I segni di anemia includono gengive di colore chiaro e letargia.

Funghi

I funghi sono disponibili in molte varietà; alcuni sono altamente tossici, mentre altri sono innocui.

A meno che un proprietario non sia un esperto di funghi e possa dire la differenza, un cane che è stato sospettato di mangiare funghi dovrebbe essere osservato da vicino. (I funghi che spuntano nei cortili di solito sono tossici).

Per sicurezza, si consiglia di indurre il cane a vomitare e somministrare carbone attivo se il fungo non viene espulso nella sua interezza. I tipi di funghi sbagliati possono causare ittero e danni al fegato, con conseguente sanguinamento interno o convulsioni, o possono avere effetti allucinogeni con conseguenti tremori, convulsioni e coma.

Se un cane vomita da solo o sviluppa diarrea ma manca di altri sintomi, probabilmente non è stato fatto alcun danno grave; tuttavia, se il disturbo gastrointestinale è accompagnato da un eccesso di saliva o lacrime, riduzione della dimensione della pupilla, rallentamento del battito cardiaco, attività depressa o letargia, irrequietezza, sconcertamento o un animale domestico in coma e non risponde, l'assistenza medica è obbligatoria.

Sebbene i gatti abbiano meno probabilità di mangiare funghi, hanno dimostrato di essere attratti da due varietà velenose che possono uccidere: l' Amanita Muscaria e l' Amanita Pantherina . Al contrario, i cani sono attratti da sette varietà velenose. Uno, la specie Scleroderma, è anche fatale per i maiali.

Cipolle

Sebbene si ritenga sicuro in piccole quantità, le cipolle in quantità pari o superiori a una tazza causano anemia emolitica nei cani. Questo perché i disolfuri contenuti nella cipolla danneggiano i globuli rossi. Tutte le forme di cipolla sono pericolose, fresche, cotte o disidratate.

I gatti sono più sensibili dei cani alle cipolle e probabilmente tollerano meno.

Segni di problemi comprendono gengive pallide e di colore chiaro e letargia. I corticosteroidi o gli immunosoppressori possono aiutare un animale affetto da anemia indotta da cipolla.

Patate

Le patate crude sono allacciate con solamina gliccoalcanoide, una sostanza che è velenosa per i gatti.

I tuberi cotti non danno effetti negativi, ma le patate crude e gli steli e le foglie della sua pianta possono causare irritazione gastrointestinale, feci sanguinolente, letargia, tremore, paralisi e infarto.

Pomodori

I pomodori, così come gli steli e le foglie, sono velenosi per i gatti. Un singolo pomodoro piccolo è sufficiente per causare gravi reazioni gastriche e intestinali.

NOCI E SEMI VELENI

mandorle

Il sistema gastrointestinale di un cane o di un gatto trova spesso mandorle difficili da digerire, che possono causare vomito e altri sintomi di irritazione.

Le noci salate possono causare squilibri ionici se consumate in quantità sufficientemente elevate e possono persino costituire un rischio di soffocamento se non masticate prima di essere ingerite.

Cioccolato / Cacao

La metà di tutti i cani trova letale una dose di cioccolato di 100 mg / kg di peso corporeo.

Tuttavia, quantità inferiori (fino al 10% di questa dose letale) possono causare vari livelli di avvelenamento con sintomi come comportamento eccitato, contrazioni, minzione frequente e polso elevato. In alcuni di questi casi, i conseguenti problemi cardiaci possono rivelarsi fatali.

La sostanza problematica nel cioccolato è la teobromina, che è la più bassa nel cioccolato al latte, più alta nelle varietà semi-dolci e più alta nel cioccolato amaro o da forno. Il cioccolato bianco ha solo tracce di teobromina e quindi non è considerato un potenziale veleno.

Tuttavia, sebbene il cioccolato bianco e il latte siano i meno problematici per quanto riguarda la tossicità della teobromina, contengono la più alta quantità di grassi e possono causare pancreatite o enterite se consumati in grandi quantità o su base frequente. Queste condizioni sono pericolose per la vita se non trattate.

Anche i gatti, come i cani, non sono in grado di elaborare correttamente la teobromina e possono sperimentare convulsioni, coma e morte dopo il consumo di cioccolato.

Il cioccolato non è solo tossico per cani e gatti, ma anche per i furetti.

caffè

Poiché il caffè contiene caffeina stimolante, gli animali che lo ingeriscono possono sperimentare sistemi nervosi sovraeccitati.

La quantità letale di caffeina per cani e gatti è di 150 mg / kg di peso corporeo.

I cani possono reagire dopo il consumo di caffè con aumento della respirazione e della frequenza cardiaca, tremori e contrazioni muscolari. I gatti che consumano caffeina spesso avvertono diarrea e vomito, un battito cardiaco accelerato e si scuotono in modo incontrollato, si impadroniscono e collassano.

Un animale sintomatico dovrebbe essere indotto a vomitare e ricevere carbone attivo.

Noci Hickory

I dadi di noce americano causano irritazione allo stomaco e possono eventualmente causare un'ostruzione intestinale nei cani. Se ammuffito, le tossine risultanti possono causare seri problemi neurologici come convulsioni.

Queste noci contengono la sostanza organica juglone che può provocare laminite (infiammazione degli zoccoli) se mangiata da un cavallo. Questa sostanza non ha alcun effetto sui cani.

Noci di macadamia

Contiene più grassi monoinsaturi rispetto a qualsiasi altro seme, le noci di macadamia sono difficili da digerire per cani e gatti e possono causare problemi al tratto gastrointestinale e, nel tempo, portare alla pancreatite.

Un certo componente non ancora identificato nella noce di macadamia causa anche ulteriori complicazioni per i cani.

Già da 3 a 6 ore dopo aver divorato le noci di macadamia, questa sostanza provoca sonnolenza e un picco di temperatura per accompagnare il mal di stomaco. I sintomi neurologici di solito compaiono entro 12 ore e i cani mostreranno difficoltà a muovere gli arti posteriori o in piedi. La maggior parte degli animali domestici guarisce completamente da sola entro 24 ore dall'esposizione, ma per i cani che recentemente hanno consumato grandi quantità di noce, in particolare noci immerse nel cioccolato, si raccomanda di indurre il vomito a limitare le reazioni avverse.

I gatti sono anche avvelenati da questo componente non identificato nelle noci di macadamia e hanno problemi digestivi, muscolari e del sistema nervoso quando li mangiano.

Semi di senape

La pianta e il seme della senape sono tossici per polli, mucche, pecore e cavalli.

Dopo aver mangiato parti di piante di senape, gli animali sensibili possono sviluppare irritazione orale, sensibilità alla luce, respiro affannoso e disturbi gastrointestinali. I problemi diventano più gravi a seconda della quantità ingerita. Non esiste un antidoto, quindi gli animali che presentano sintomi dovrebbero essere sottoposti a trattamento medico.

Noci Pecan

I cani trattati con noci pecan come spuntino possono finire con disturbi gastrointestinali o ostruzioni. Quando sono ammuffiti, le noci pecan causano vari sintomi neurologici.

Questa è una noce contenente tossina juglone ed è quindi collegata alla laminite nei cavalli.

pistacchi

Ad alto contenuto di grassi, queste noci possono causare disturbi allo stomaco e portare alla pancreatite nei cani e nei gatti.

Noci

Le noci nere e le noci inglesi possono causare problemi gastrointestinali o una possibile ostruzione intestinale nei cani; le noci nere ammuffite, inglesi o giapponesi hanno micotossine forti che causano convulsioni o altre anomalie neurologiche.

Nei cavalli le noci nere possono causare la laminite della malattia vascolare. Ciò è dovuto alla tossina che contengono nota come juglone, che non è problematica per i cani.

CARNI POISONO E PRODOTTI ANIMALI

Ossatura

Sebbene non sia velenoso, uno spuntino a base di ossa non è privo di potenziali pericoli.

Le ossa possono aderire alla bocca, alla gola o all'intestino e possono scheggiarsi e creare danni o blocchi interni a cani e gatti.

Grasso

Una dieta ricca di grassi è difficile da elaborare per il sistema del gatto o del cane e può portare sia all'obesità che alla pancreatite.

Fegato

Grandi quantità di fegato nella dieta di un cane o di un gatto possono creare livelli tossici di vitamina A. Questo ha un effetto negativo sulle ossa e può causare deformità, escrescenze o osteoporosi nei gatti.

Nei cani i sintomi di tossicità includono uno scheletro calcificato e una pelle malata.

In alcuni casi, i livelli tossici di vitamina A sono fatali.

Pranzi

Ad alto contenuto di grassi e sale, una dieta ricca di carni per il pranzo può portare alla pancreatite in un cane o un gatto (25). L'alto contenuto di nitrati nelle salumi è anche malsano.

Latte e prodotti lattiero-caseari

Alcuni cani e gatti, di solito animali più anziani, non sono in grado di elaborare i prodotti lattiero-caseari e sviluppare diarrea dopo il loro consumo.

tonno

Se nutriti con qualsiasi tipo di pesce in quantità sufficiente, i cani sviluppano una carenza di tiamina. Le carenze di tiamina causano anoressia, convulsioni e morte.

Che ci crediate o no, nutrire grandi quantità di tonno in scatola a un gatto può anche avere effetti indesiderati. Questo perché crea uno squilibrio di nutrienti e può anche portare a una carenza di tiamina o avvelenamento da mercurio.

Uova crude

Il consumo di uova crude può provocare pelle e cappotti non sani a causa dell'enzima avidina.

Questo enzima inibisce il corretto assorbimento della biotina nei cani e nei gatti. Oltre ai problemi legati all'avidina, le uova possono essere contaminate da batteri e portare ad intossicazione alimentare.

Pesce crudo

Il salmone crudo e crudo può essere infestato da fluke che trasportano organismi rickettsial.

Questi organismi vengono rilasciati nell'intestino di un cane e causano febbre entro 24 ore, combinati con mancanza di energia e appetito ridotto. Quattro giorni dopo il consumo si verifica il vomito, seguito da feci sanguinolente e allentate.

I tassi di mortalità arrivano al 90%; trattamenti idratanti e antibiotici sono necessari per la sopravvivenza nella maggior parte degli animali domestici colpiti.

Il pesce crudo, analogamente al tonno in scatola, se nutrito in quantità troppo elevate per un gatto causa una carenza di tiamina. I gatti non sono suscettibili all'infezione da rickettsial attraverso il consumo di salmone.

Carne cruda

Tutti i tipi di carne cotti in modo inappropriato possono essere contaminati da batteri, causando disturbi gastrointestinali a cani e gatti.

CONDIMENTI E ADDITIVI GRAVOSI

Noce moscata

Un consumo eccessivo di noce moscata può creare seri problemi ai cani con conseguenti convulsioni, tremori o morte.

sale

Grandi quantità di sale disidratano un gatto o un cane e causano uno squilibrio di ioni sodio.

Se un animale sviluppa sete estrema, vomita o diventa letargico a seguito di un consumo considerevole di sale, può indicare un danno renale. Se non curato, un animale domestico può sviluppare convulsioni o cadere in coma e morire.

Per evitare queste complicazioni, gli animali domestici dovrebbero ricevere un trattamento per liquidi IV.

zucchero

Grandi quantità di zucchero causano animali in sovrappeso (cani e gatti) con cattiva salute dentale e un aumentato rischio di sviluppare il diabete mellito.

Caramelle allo xilitolo senza zucchero

Le caramelle senza zucchero contenenti xilitolo sono considerate pericolose per la salute di un animale domestico secondo il National Animal Poison Control Center.

Non solo presente nelle caramelle, lo xilitolo si trova anche in vitamine gommose senza zucchero, prodotti da forno e gengive. Uno o due bastoncini di gomma possono uccidere un piccolo cane; tre o più bastoncini possono uccidere un animale domestico di 65 libbre.

I gatti sono similmente sensibili alla tossicità da xilitolo.

Lo xilitolo provoca picchi di insulina e di zuccheri nel sangue, creando un cane o un gatto letargico che non è in grado di mantenere il suo equilibrio. Se non trattato, si sviluppano danni cerebrali, insufficienza epatica o disturbi del sangue che possono portare a coma, convulsioni e morte.

Pasta lievitata

L'alcool presente nel lievito viene assorbito nel flusso sanguigno, causando avvelenamento da alcol.

I segni di avvelenamento di un gatto o di un cane includono ansimare, vomitare e sbavare, seguiti da coma e infine dalla morte. Un animale domestico può essere salvato da tutti gli effetti di questo perché indotto a vomitare e ricevere carbone attivo e liquidi per via endovenosa.

Oltre all'avvelenamento da alcol, l'impasto provoca anche problemi quando si espande e crea gas nell'ambiente caldo e umido del corpo. Ciò porta alla rottura gastrica o intestinale nei cani o nei gatti.

FARMACI VELENI

Alcool (luppolo)

Quando un cane o un gatto beve alcolici può diventare intossicato. Ci vogliono solo due cucchiaini di whisky per far cadere in coma un gatto di 5 chili e tre cucchiaini provocano la morte.

Il luppolo porta ad ansimare, una frequenza cardiaca elevata, aumenti di temperatura, convulsioni e morte nei cani. È anche pericoloso per i gatti.

Marijuana

La marijuana rallenta il sistema nervoso di cani e gatti, altera il battito cardiaco e induce il vomito.

Tabacco

La nicotina contenuta nel tabacco interrompe il corretto funzionamento dell'apparato digerente e nervoso. Una frequenza cardiaca elevata, coma e morte possono derivare da avvelenamento da nicotina in cani e gatti.

Tag:  Uccelli conigli Nutrizione