Complicanze dopo la nascita dei cani

Complicazioni post parto nei cani

Se il tuo cane ha appena partorito senza problemi, potresti dare un sospiro di sollievo, perché pensi che il peggio sia passato. I cuccioli stanno allattando fortemente e la mamma mangia, beve e si prende cura dei cuccioli come dovrebbe. Tuttavia, la tua nuova mamma e i tuoi cuccioli non sono ancora completamente fuori dal bosco.

Le complicazioni possono verificarsi ore o giorni dopo la nascita dei cuccioli, e talvolta si verificano piuttosto rapidamente, lasciando poco tempo per intervenire. Devi continuare a osservare la mamma e i cuccioli e prendertene cura dopo il parto.

Di seguito sono riportati alcuni sviluppi che è possibile osservare, osservando la mamma e i cuccioli, che possono o meno essere segni di una complicazione.

Cosa è normale e cosa è anormale dopo che un cane ha partorito? Se noti qualcosa di anormale, anche se non è elencato qui, non esitare a chiamare il veterinario.

Il cane madre non sta diventando banale

Che cosa è normale ?: Alcune mamme sono così sopraffatte che sembrano dimenticare di bere o di andare al vasino secondo necessità. Se il tuo cane è troppo preoccupato per uscire dal vasino, puoi aiutarla in diversi modi.

Un modo è quello di evitare di affollare l'area invitando le persone a vedere i cuccioli. Per quanto sia emozionante vedere una cucciolata di cuccioli appena nati, mantieni silenziosa l'area dei cuccioli per i primi giorni. Troppo stress, troppi rumori o troppe interferenze possono far sì che la tua nuova mamma sia troppo preoccupata per lasciare soli i cuccioli, specialmente se è la prima volta.

Cosa puoi fare ?: Puoi provare a invogliarla a venire fuori dal vasino, ma se questo non funziona, puoi mettere degli assorbenti in casa vicino ai cuccioli in modo da poter alleviare se stessa tenendo d'occhio i suoi rifiuti. L'uso di un diffusore DAP può anche aiutare ad alleviare lo stress iniziale che potrebbe provare.

La mamma non mangia

Cosa è normale ?: Mentre la tua nuova mamma è molto impegnata e stanca le prime ore dopo il parto, dovrebbe iniziare a mangiare presto per recuperare le sue energie e aiutare i cuccioli a crescere. Tieni presente che se ha mangiato le placenta, potrebbe non avere fame per qualche tempo.

Come regola generale, aspettati che il tuo nuovo cane madre mangi entro 24 ore dalla nascita dell'ultimo cucciolo, spiega il veterinario Dawn Ruben in un articolo per Petplace. A questo punto il tuo cane dovrebbe essere molto affamato e dovrebbe aspettarsi di mangiare molto.

Al tuo nuovo cane madre può essere permesso di concedersi il lusso di mangiare e mangiare quanto vuole. Assicurati di tenere quella ciotola piena di cibo per cuccioli ad alta energia, cibo per la crescita o cibo per l'allattamento raccomandato dal veterinario. Idealmente, avresti dovuto alimentare il suo cibo in questo modo nelle ultime settimane di gravidanza, essendoti passato gradualmente. Tieni cibo e acqua vicino alla madre in modo che possa mangiare e bere senza preoccuparsi di lasciare i suoi cuccioli fuori dalla vista.

Che cosa è anormale ?: Se il cane madre non ha fame entro 24 ore dalla consegna dell'ultimo cucciolo, questo potrebbe essere un problema. Questo potrebbe, in effetti, essere il primo segno che indica una complicazione post-nascita.

Il cane madre ansima

Che cosa è normale ?: Durante il primo giorno dopo il parto, ansimare è normale, perché il cane madre è esausto e tutti i cuccioli che le strisciano possono farla surriscaldare. Le unghie del cucciolo sulla sua pancia possono anche causare dolore. Per non parlare del fatto che il lattante dei cuccioli stimola l'utero del cane madre a contrarsi, il che può anche causare ansimanti, spiega il veterinario Jon Rappaport.

Che cosa è anormale ?: Se il ansimare continua, vale la pena indagare, poiché potrebbe essere un segno di una complicazione post-nascita. Ansimare può essere causato da una febbre a causa di un'infezione o può essere il primo segno di eclampsia. Quindi, se il respiro ansimante dura per un po 'ed è accompagnato da altri sintomi, o se la sua temperatura rettale è superiore a 103, 58 ° F, dovrebbe vedere il veterinario.

Il cane madre ha una dimissione

Cosa è normale ?: Per un massimo di tre settimane dopo il parto, è normale che il cane madre abbia una secrezione vaginale nota come lochia. Lo scarico è di colore verdastro scuro, brunastro o nerastro e non dovrebbe avere un cattivo odore.

Che cosa è anormale? Se lo scarico aumenta, piuttosto che diminuire - o se ha un cattivo odore - è meglio vedere il cane. Questo può essere un segno di infezione (vedi "metrite" di seguito).

Inoltre, secondo il veterinario Bari Spielman, uno scarico continuo acquoso e / o sanguinante può essere indicativo dei siti della placenta che non si ritirano. I siti placentare dovrebbero normalmente ridursi dopo la consegna e tornare alle dimensioni normali, un processo noto come "involuzione". In caso contrario, si chiama "subinvoluzione uterina". La secrezione sanguinolenta può persistere fino a 16 settimane e può risolversi da sola, ma nei casi più gravi può causare l'anemia a un cane.

Se il tuo cane sviluppa uno dei segni anomali sopra indicati, non esitare a farla vedere da un veterinario.

Ecco tre delle più comuni complicazioni post parto nei cani.

Complicazioni post parto nei cani

  • Metrite: la metrite è un'infezione dell'utero. Questa infezione può essere causata da una placenta trattenuta, feti conservati, complicazioni del parto o dall'uso di strumenti per una procedura chirurgica. Generalmente, questa condizione si verifica entro la prima settimana dopo il parto. I sintomi includono febbre, letargia, perdita di appetito, perdite vaginali fetide, disidratazione, battito cardiaco accelerato, ansimanti, vomito e diarrea. Il cane madre dovrà assumere antibiotici e potrebbe essere necessario alimentare i cuccioli durante questo periodo con una formula sostitutiva come Ebsilac. Nei casi più gravi, il cane madre può diventare settico rapidamente, richiedendo il ricovero in ospedale.
  • Eclampsia: Eclampsia, o febbre da latte, è l'esaurimento del calcio nei cani madri. È più comune nei cani di piccola taglia con cucciolate grandi, durante le prime tre settimane dopo il parto. I sintomi includono andatura rigida, difficoltà a stare in piedi normalmente, irrequietezza, stimolazione, febbre, ansimante, spasmi muscolari, convulsioni e mancanza di interesse per i cuccioli. Questa condizione può essere pericolosa per la vita se non trattata in tempo. Il trattamento consiste nel reintegrare i livelli di calcio. I cuccioli dovranno essere alimentati a mano. ( Nota: l' integrazione con calcio durante la gravidanza non aiuterà; può effettivamente predisporre il cane madre a questa condizione.)
  • Mastite: la mastite è un'infezione delle ghiandole mammarie del cane madre. I capezzoli della madre possono apparire caldi, rossi e infiammati. La condizione potrebbe essere innescata dal graffio delle unghie del cucciolo contro le ghiandole mammarie. I sintomi includono febbre, dolore durante l'allattamento, ritiro dai cuccioli, cuccioli che non crescono e cuccioli che piangono. I cuccioli dovranno essere alimentati a mano.

Prevenire le complicazioni dopo la nascita del tuo cane

Le complicazioni dopo il parto possono essere serie e spaventose. Ecco perché è importante la cura prenatale. Gli allevatori responsabili lo sanno fin troppo bene. Una delle cose più utili che puoi fare è far controllare dal veterinario quanti cuccioli si aspetta il tuo cane. In questo modo, sai esattamente quanti cuccioli e placche dovrebbero uscire e saprai subito se un cucciolo è bloccato o se è stata trattenuta una placenta.

Inoltre, la tua nuova mamma e i tuoi cuccioli dovrebbero vedere un veterinario entro 24 o 48 ore dopo il parto. In questo modo, il veterinario può assicurarsi che non siano state conservate placenta o cuccioli morti. Se le placentas non vengono espulse in modo tempestivo, possono causare infezione dell'utero (metrite). Potrebbe essere necessaria un'iniezione di ossitocina. L'ossitocina è un ormone prodotto naturalmente dall'ipotalamo del cane, che stimola l'utero a contrarsi ed espellere il suo contenuto.

Tag:  Nutrizione Pesci e acquari Roditore