Comportamenti sociali dei cavalli selvaggi e domestici

Contatta l'autore

Un sistema sociale poliedrico

I cavalli, come la maggior parte delle specie di ungulati, sono animali altamente sociali. In condizioni selvagge o anche al pascolo, i cavalli vivono in gruppi chiamati harem o bande. In natura, un harem consiste in genere da uno a sei stalloni, diverse fattrici e la progenie delle fattrici che hanno fino a cinque anni. Gli harem non si limitano a nessuna determinata area geografica, poiché di solito viaggiano continuamente alla ricerca di cibo e acqua. La dimensione dell'harem può variare da 2 a 21 cavalli, con i lepri di stalloni multipli in genere più grandi di quelli di stallone singolo. Al centro dell'harem si trovano le fattrici stesse, che rimarranno insieme anche se lo stallone muore o lascia la mandria. Uno stallone, il maschio di rango più elevato dell'harem, svolge la maggior parte (se non tutte) dell'allevamento e serve a proteggere il branco dalle minacce. Tuttavia, ciò non significa che lo stallone sia sempre il cavallo di rango più elevato nella mandria, poiché le fattrici più anziane possono altrettanto facilmente assumere la posizione più dominante. Non sorprende che la progenie delle fattrici dominanti tendano anche a diventare individui di rango superiore nelle loro mandrie più avanti nella vita. Questo è indicativo di componenti sia genetiche che di esperienza nel sistema gerarchico delle mandrie.

Le relazioni tra i membri dell'harem sono sfaccettate e dipendono da molteplici fattori. La gerarchia del gregge sembra essere lineare e associata all'età o alla capacità di sopravvivere in situazioni difficili; non si basa necessariamente su altezza, peso, genere o tempo all'interno dell'harem, come supporrebbero molte persone. Lo stato all'interno di una mandria dipende anche dalle età e dai sessi degli altri membri; più membri e più membri all'interno di ogni età e gruppo sessuale, meno probabile si verificherà una gerarchia di dominanza. Questo è estremamente importante da considerare quando si stabiliscono i cavalli, poiché è richiesta attenzione alla gestione quando si alloggiano cavalli insieme o si introducono nuovi cavalli in un gruppo già stabilito.

La gerarchia del gregge sembra essere lineare e associata all'età o alla capacità di sopravvivere in situazioni difficili; non si basa necessariamente su altezza, peso, genere o tempo all'interno dell'harem, come supporrebbero molte persone.

I ranghi

Lo stallone dominante ha la priorità sulle fattrici in calore, è spesso quello di rimuovere una puledra o un puledro dall'harem, ed è solitamente quello che ruba le fattrici da altri harem. A meno che non rimangano incinte, le fattrici hanno cicli di 21 giorni durante la primavera e l'estate. La maggior parte delle puledre e dei puledri nati nell'harem rimarranno con il gruppo fino a quando non diventeranno sessualmente mature (di solito entro circa due anni), a quel punto lo stallone più alto li inseguirà dalla mandria. Anche i puledri e le puledre che non vengono rimossi dalla mandria di solito lasciano da soli entro i cinque anni (quando sono socialmente maturi) per unirsi o stabilire altri harem. Le puledre che non riescono a lasciare il loro harem originale tendono ad avere meno prole. Questi sono tutti metodi efficaci con cui la natura combatte la consanguineità.

I giovani stalloni che vengono rimossi dalle loro mandrie originali possono rimanere soli per alcuni mesi prima di unirsi ad altri maschi da soli, formando mandrie "scapoli". L'individuo più dominante di questi stalloni da scapolo è di solito il primo ad acquisire una cavalla e ad iniziare un harem, dopo di che questo ciclo continua con gli altri stalloni. Le giovani puledre che vengono di recente inseguite dalle loro mandrie possono scegliere di unirsi temporaneamente a un branco di scapoli per proteggersi, ma sono anche spesso fuse in altri harem più consolidati dal loro stallone dominante. A parte la "fase di laurea", gli stalloni sono raramente soli; in tal caso, lo stallone è di solito troppo vecchio o comunque inadatto per unirsi o mantenere un harem.

Mentre la classificazione della mandria negli stalloni si basa principalmente sul loro accesso alle fattrici e alle puledre, la classificazione tra fattrici è solitamente determinata da quali fattrici possono condurre la mandria a risorse o offrire protezione alla mandria. Quando un harem si muove come un'unità, la femmina dominante spesso conduce nella parte anteriore, mentre lo stallone dominante segue da vicino la mandria per assicurarsi che tutte le sue cavalle e puledri stiano tenendo il passo. Poiché gli harem sono costituiti principalmente da femmine, sono le femmine a prendere la decisione se escono o rimangono con l'harem; questo si basa in genere su fattori come il numero e la qualità degli stalloni e la quantità di risorse disponibili. Le femmine dominanti possono effettivamente interferire con l'allattamento dei puledri delle femmine meno dominanti; questa potrebbe essere una variante della "sopravvivenza del più adatto", poiché i puledri delle fattrici più dominanti hanno maggiori probabilità di sopravvivere se non competono per le risorse con i puledri delle fattrici meno dominanti. Come molti animali da branco sociale, le fattrici possono formare "amicizie" e preferibilmente prepararsi a vicenda. Per quanto spietato possa sembrare qualcuno di questi comportamenti, questo schema è tipico di molte specie di branchi; la gerarchia è determinata principalmente da animali di rango inferiore che rimandano a quelli di rango superiore, non dai risultati di combattimenti o uccisioni.

Gli effetti del ranking non esistono solo tra individui, ma esistono anche tra interi branchi stessi. Branchi con stalloni multipli dominano sugli harem con un solo stallone. Questo è molto probabilmente perché gli stalloni di rango inferiore all'interno di una mandria conducono la maggior parte dei combattimenti che si verificano tra le mandrie nel tentativo di rubare le cavalle per se stessi. Le mandrie che occupano un'area o utilizzano una risorsa (come un abbeveratoio, un'area di pascolo, ecc.) Tendono a trattenerla per lunghi periodi di tempo, tenendo lontani altri harem. Gli harem, così come i singoli cavalli al loro interno, seguono schemi specifici di marcatura fecale come forma di comunicazione.

Per quanto spietato possa sembrare qualcuno di questi comportamenti, questo schema è tipico di molte specie di branchi; la gerarchia è determinata principalmente da animali di rango inferiore che rimandano a quelli di rango superiore, non dai risultati di combattimenti o uccisioni.

Allevamento e gestazione

Le tre fasi del comportamento sessuale nei cavalli sono il corteggiamento, l'accoppiamento e il comportamento post-accoppiamento. Durante il corteggiamento, lo stallone si avvicina a una cavalla in estro (o calore), si impenna, annusa, sfrega e la governa mentre spesso esibisce la risposta dei flehmen (alzando la testa, arriccia il labbro superiore e inspirando attraverso le narici) per ulteriori determinare il suo stato ormonale. Se la cavalla non è ancora nella sua fase ricettiva, può strillare, calciare o scappare per mostrare allo stallone che non è ancora pronta per essere allevata. L'ovulazione si verifica in genere 36 ore prima della fine dell'estro, a quel punto il comportamento estro inizia a declinare. Quando la cavalla è pronta, rimarrà ferma con i suoi quarti posteriori verso lo stallone, deviando la coda, urinando, "ammiccando" con la sua vulva e permettendo allo stallone di montarla. In condizioni naturali al pascolo, l'allevamento può raggiungere il 100% di successo nelle cavalle impregnanti, mentre il controllo o "allevamento manuale" può raggiungere solo un tasso di successo del 50-60%. Ciò è probabilmente dovuto alla maggiore familiarità tra i cavalli, una maggiore fertilità dovuta a un corteggiamento più lungo e una minore aggressività.

La gestazione nei cavalli dura in genere da 315 a 365 giorni, con 340 giorni nella media. Gli elementi che controllano la durata della gestazione includono lo stato nutrizionale, il periodo dell'anno (più breve se allevato a fine estate) e il sesso (leggermente più lungo se il puledro è maschio). Le cavalle quasi sempre consegnano di notte, anche se fornite di luce artificiale costante. Dopo il parto, il legame tra la cavalla e gli esseri del puledro immediatamente. Il cavallo è un animale da preda, quindi il puledro impara a stare in piedi e camminare entro poche ore dalla nascita. L'infermiera è iniziata istintivamente dal puledro e fermata dalla cavalla.

Fasi e sintomi del ciclo estro di una cavalla

Fase del cicloSintomiSignificato
Presto (giorni 1-3)Segnali misti; può squittire, accovacciarsi, sollevare la coda e spruzzare urina, ma non consentirà allo stallone di montare.Mare vuole interessare ed eccitare lo stallone, ma non gli permetterà ancora di riprodursi a causa della mancanza di ovulazione.
Completo (giorni 4 e 5)Fornirà tutti i segnali (squittendo, accovacciato, sollevando la coda, spruzzando) e consentirà allo stallone di montare.L'uovo è vicino o in fase di ovulazione. La cavalla si riprodurrà, poiché in questo stadio avere lo sperma nei corni uterini aumenta le probabilità di concepimento.
In ritardo (giorni 6 e 7)Segnali misti come il calore iniziale. Alcuni possono ancora consentire a uno stallone di montare, altri no.Il comportamento può o meno consentire la fecondazione, poiché è possibile entro diverse ore dall'ovulazione, ma è meno probabile in questa fase.
Anestrus (non in calore)Non cerca alcuna interazione con lo stallone. Se lo stallone si avvicina, alcune fattrici possono agire in modo aggressivo.Periodo di inattività sessuale. Se si è verificato il concepimento, il tratto uterino altera il suo ambiente chimico e fisico per supportare un feto.
Stadi generali, sintomi tipici e significato concezionale del ciclo estro della cavalla normale.

Il cavallo è un animale da preda, quindi il puledro impara a stare in piedi e camminare entro poche ore dalla nascita.

Primi anni di vita

Nei primi due mesi di vita, i puledri dipendono completamente dalle loro madri e hanno una minima interazione con gli altri cavalli nell'harem. A circa due mesi, inizia lo schiocco (sbattimento dei denti). Lo schiocco è un'espressione facciale comportamentale in cui le labbra vengono ritratte e i denti vengono serrati insieme. Viene mostrato dai puledri ai cavalli adulti, in particolare agli stalloni. La sua funzione potrebbe essere quella di ridurre l'aggressività da parte degli adulti, un modo per affermare: "Sono solo un bambino, non farmi del male". È anche possibile che venga spiegato come un comportamento infermieristico sfollato (infermieristica aerea). Picchi di schiocco a due mesi, poi diminuisce costantemente. Questo comportamento non è lo stesso dello smacking; lo smacking è una minaccia aggressiva in cui le orecchie sono rilassate, la bocca è aperta e le labbra sono schioccanti, ma le labbra non sono tirate indietro.

A circa tre mesi, i puledri entrano nel periodo di socializzazione. Fino a questo momento, il gioco è di solito solitario. A questo punto, i puledri iniziano a esplorare e giocare con altri puledri. Ci sono differenze sessuali nel gioco; i puledri giocano più spesso dei puledri e i giochi tra puledri sono diversi dai giochi tra puledri. Colts si concentra maggiormente sul combattimento e sul montaggio durante il gioco, mentre le puledre si concentrano maggiormente sulle corse e sui toelettatura. Le puledre governeranno sia le puledre che i puledri, mentre i puledri tendono solo a pulire le puledre. Questo è stato interpretato come probabile pratica per futuri comportamenti di corteggiamento. Il gioco è un'importante esperienza sociale per il normale sviluppo sociale e l'interazione nella vita adulta. Dopo circa quattro mesi, i puledri iniziano a sviluppare personalità più indipendenti e passano più tempo a esibire comportamenti adulti, come il pascolo e la posizione eretta a riposo.

Young Horses Display Snapping ("Tooth Chomping") Comportamento in presenza di un cavallo più vecchio.

L'importanza del movimento per il cavallo

La libera circolazione è un fattore importante nello sviluppo dei giovani cavalli. Molti problemi comportamentali nei cavalli domestici sono spesso associati al parto; non si sono evoluti per stare in bancarelle o piccoli paddock tutto il giorno. Comuni comportamenti correlati al confinamento includono aggressione riproduttiva, masticazione del legno, paralisi, pica, camminata in stallo, tessitura, pawing e automutilazione. Questi comportamenti possono spesso essere prevenuti ottenendo molto tempo di affluenza e attività fisica; tuttavia, questi comportamenti sono spesso un mal di testa da invertire o gestire una volta stabiliti. In condizioni selvagge, i cavalli trascorreranno almeno il 60% della giornata a cercare ed esplorare e consumeranno molti piccoli pasti al giorno. In generale, il resto del tempo di un cavallo viene trascorso riposando, impegnandosi in attività sociali con altri membri della mandria e affascinando gli umani con la loro bellezza e spirito libero. Per i professionisti veterinari che cercano maggiori informazioni sui comportamenti sociali dei cavalli e su come applicare tali conoscenze alla loro pratica, il comportamento equino: una guida per veterinari e scienziati equini è un'ottima fonte di informazioni più dettagliate.

Tag:  Umano-Corpo-Mappe Cavalli Salute