Consigli per la sicurezza del cavallo di un paziente TBI

Contatta l'autore

L'ultimo articolo che ho scritto è stato spensierato e divertente. Ho parlato di come alcuni di noi sono pazzi per sempre e che quelli che vivono con noi e ci amano dovrebbero semplicemente accettarlo.

Oggi sento il bisogno di scrivere qualcosa di più serio. Come alcuni di voi sanno, ho subito una traumatica lesione cerebrale in un incidente senza guida con un cavallo il 13 marzo di quest'anno. Ho sviluppato la sindrome post-concussiva che mi ha lasciato con una lunga guarigione e ha influenzato non solo la mia vita ma anche la vita dei miei familiari e dei nostri affari.

Non avrei mai pensato che tutti questi mesi dopo, avrei ancora bisogno di un camminatore per camminare e soffrire di affaticamento cronico, mal di testa e vertigini.

Mi è successo e potrebbe succedere anche a te

Pensiamo sempre: "Oh, non mi succederà mai". Bene, il fatto è che può succedere anche a me. Lo stesso vale per te.

Ho rotto giovani cavalli da cavalcare, fatto eventing, fatto dressage, trail riding, avevo anche iniziato a imparare a cavalcare l'anno scorso - tra tutte le cose stupide che ho fatto con i cavalli da bambino quando ero impavido e non pensavo che nessuno stava guardando.

Questa è la prima volta che mi sento gravemente ferito. Ho avuto ossa rotte e simili nel corso degli anni, ma mai qualcosa di così pericoloso come un TBI. Ho anche avuto altre commozioni cerebrali prima nella mia carriera di guida, e non le ho mai prese sul serio perché sono stato abbastanza fortunato da non avere alcun effetto negativo da loro oltre a un mal di testa per un paio di giorni.

O almeno così pensavo. Questa volta è stata la mia quinta commozione cerebrale. Non avevo mai sentito dire che le commozioni cerebrali si basano l'una sull'altra e ogni volta che ne hai una rende la guarigione della prossima molto peggio.

Sapere che mi avrebbe tenuto fuori dalla sella o fuori dalla stalla per tutti questi anni? Ovviamente no! Se l'avessi saputo, avrei potuto prenderli più seriamente e riposare e seguire le istruzioni dopo l'incidente. Può fare davvero la differenza nel modo in cui recuperi e se ripristini completamente.

Dopo il mio incidente del 13 marzo, ho provato a provare mal di testa, vertigini e nausea. È quello che fanno le ragazze a cavallo? Succhiarlo ranuncolo! Se avessi saputo che nella mia situazione avere avuto ferite alla testa prima che riposare dopo un'altra commozione cerebrale fosse ancora più importante, avrei potuto ascoltare. Probabilmente no, ma forse!

Non avevo mai sentito parlare della sindrome post-concussiva fino a quando non mi hanno detto che ce l'avevo e per questo non stavo ancora migliorando. Possono essere necessari mesi o addirittura un anno affinché alcune persone nel mio tipo di situazione tornino alla normalità. Alcuni hanno sintomi persistenti che non vanno mai via. Prego ogni giorno che non sarò io. Sono migliorato un po ', è cambiato la vita e ho ancora molta strada da fare.

Mi è successo e potrebbe succedere altrettanto facilmente a chiunque cavalchi o interagisca con i cavalli su base giornaliera.

Non importa quanto ci sentiamo sicuri, sono ancora animali

So che probabilmente sembra che sto affermando un po 'l'ovvio, ma bisogna dirlo. Adoro i miei cavalli come una famiglia. Insegnando lezioni da quasi 20 anni, ho trascorso ore e ore con alcuni dei cavalli che possiedo. Li adoro assolutamente.

Diventa molto facile dimenticare che sono ancora animali enormi e il loro istinto di autoconservazione viene prima di ogni altra cosa. Diventa facile dimenticare che anche il cavallo più vecchio e più calmo potrebbe spaventare e reagire nel modo sbagliato al momento sbagliato.

Come ho scoperto, tutto ciò che serve è un piccolo pezzo del puzzle per andare storto e può significare che qualcuno si faccia seriamente male.

Tutti noi che lavoriamo con i cavalli o cavalchiamo, lo sappiamo. Lo dice in ogni libro dei cavalli e l'hai sentito nelle lezioni per principianti. Il fatto è che quando siamo intorno ai cavalli giorno dopo giorno, li conosciamo così bene - le loro personalità e abitudini, simpatie e antipatie, che spingiamo quel fattore di pericolo nella parte posteriore della nostra mente.

Ne siamo tutti colpevoli. Quando lavori con un buon cavallo e comunichi bene, è come se stessi sulla stessa lunghezza d'onda e parli la stessa lingua. Il pensiero che possano reagire a qualcosa e ferirti è la cosa più lontana dalle nostre menti.

Dobbiamo ricordare che non importa quanto li amiamo e pensiamo di conoscere la loro reazione a ogni piccola cosa, nessun cavallo o altri animali (del resto) è sempre prevedibile al cento per cento e dobbiamo ricordarlo.

Tutto sul cavallo Fantasy

L'ho avuto quando ero un bambino, che i cavalli sono così belli e si legheranno con te e una volta fatto non ti faranno mai del male. Questa è la cosa più lontana dalla verità.

Puoi legare con i cavalli, di sicuro. Il fatto è che nulla che possiamo mai fare è sopprimere il loro bisogno di autoconservazione e il loro istinto di volo.

Non sono solo i bambini a vivere questa fantasia. Ho visto donne adulte che saltano fuori davanti a un cavallo in corsa o si mettono in altre situazioni pericolose. Quando dici loro qualcosa a riguardo, ottieni una versione di "Oh, non mi farebbe mai del male!" Il che, forse se i cavalli avessero la capacità di pensare in quel modo potrebbero dire, ma non lo fanno!

Quando i cavalli si spaventano, pensano solo di scappare il più velocemente possibile senza preoccuparsi di ciò che potrebbe ostacolare la loro fuga. Questo è qualcosa che riguarda i cavalli che non cambieranno mai e che tutti noi siamo al sicuro, dobbiamo tenerlo in primo piano nelle nostre menti.

"Cavalco solo cavalli ben addestrati"

Questo è un altro che sentirai spesso. Un'altra affermazione a cui risponderò, non importa! Non importa quanto siano ben addestrati. Gli istinti sono il modo di madre natura di proteggere gli animali in natura; sono risposte innate. Anche i cavalli più allenati possono ancora reagire nel modo sbagliato al momento sbagliato.

Il più delle volte, quando accadono incidenti, tutto ciò che è accaduto, il cavallo o il cavaliere o il conduttore hanno reagito nel modo sbagliato nel momento sbagliato, portando a qualcosa di brutto.

Ho trascorso la mia vita con i cavalli e credo con tutto il cuore che non ci siano molti cavalli veramente odiosi e meschini al mondo. Quelle che interpretiamo in quel modo un sacco di volte non sono state gestite bene. Forse hanno subito un trauma di qualche tipo. Posso solo pensare a una manciata di cavalli tra tutti quelli che ho incontrato (questo è molto) che direi che sono meschini.

Non importa però, perché la maggior parte delle volte non ci facciamo male perché il cavallo era cattivo o cattivo. Non che non accada mai, ma è più frequente che un cavallo reagisca come un cavallo (un animale con istinto) dovrebbe reagire e non eravamo preparati per questo.

Quando ho sostenuto il mio TBI, stavo preparando una lezione di pony che sapevo essere sensibile con un suo orecchio. L'ho imbrigliata come farei normalmente e lei ha reagito in un modo insolito e imprevedibile ed è così che sono finito nel pronto soccorso e ancora lottando per tutti questi mesi dopo.

Non stava cercando di farmi del male o di essere cattiva. Non le piace che quell'orecchio venga toccato, per qualche motivo quel giorno il modo in cui l'ho fatto non è stato piacevole per lei, quindi ha reagito e mi sono fatto male. È stato tutto un incidente.

Gli incidenti accadono intorno ai cavalli

Probabilmente sembra strano che qualcuno che insegna ai bambini e al campo estivo per vivere sarebbe scrivere qualcosa per far sembrare che i cavalli abbiano il potenziale per essere così non sicuri.

Bene, la verità è che sicuramente lo fanno e non si può negarlo. Quando li trattiamo come cani o facciamo le cose con noncuranza senza prestare attenzione, ci stiamo mettendo a rischio più elevato rispetto a quello che abbiamo già fatto quando abbiamo deciso che il nostro sport preferito includesse un animale da mille libbre con il suo cervello.

Rendere la consapevolezza della sicurezza una priorità

La sicurezza del fienile non dovrebbe essere una breve frase scremata all'inizio di una lezione di equitazione o di un campo estivo. Dobbiamo insegnare non solo come essere sicuri, ma perché è così importante stare attenti.

Dobbiamo insegnare la natura del cavallo. Un cavallo il cui istinto è fuggire da qualcosa che percepisce come pericoloso. Prima di tutto reagiscono, indipendentemente dalla nostra sicurezza.

Possiamo insegnare ai cavalli il rispetto e addestrarli ad ascoltare i nostri segnali. Una cosa che non possiamo insegnare è cercare la nostra sicurezza. Questo è il nostro lavoro.

Indossa un casco, prendi tutte le precauzioni di sicurezza che puoi e insegna ai bambini che condividi i tuoi cavalli con l'importanza del protocollo di sicurezza e la consapevolezza delle dimensioni e dell'istinto di questi animali che amiamo così tanto.

Tag:  Pesci e acquari Roditore Umano-Corpo-Mappe