I cavalli da corsa purosangue vengono "(In) allevati a morte?

Contatta l'autore

L'ascesa del purosangue

La razza del purosangue è stata fondata in Inghilterra all'inizio del 1600 incrociando stalloni arabi che sono stati importati in Inghilterra con cavalle leggere indigene (Binns, 2012; Thiruvenkadan, 2008). La popolazione fondatrice era piccola, con tutti gli attuali maschi purosangue inglesi e americani che risalivano a almeno uno dei tre stalloni, il Byerly Turk, il Darley Arabian e il Godolphin Arabian (Binns, 2012). Il Byerly Turk raggiunse l'Inghilterra nel 1689, seguito dal Darley Arabian intorno al 1705 e poi dal Godolphin Arabian intorno al 1729 (Thiruvenkadan, 2008). In confronto, sono state identificate circa 70 fattrici (Binns, 2012). Ogni cavallo del pedigree Purosangue può essere ricondotto ad almeno una di queste 70 cavalle di fondazione (chiamate Royal Mares) e ad almeno uno dei tre stalloni: Matchem, nipote del Godolphin Arabian; Erode, pronipote del Byrely Turk; ed Eclipse, pronipote di Darley Arabian (Thiruvenkadan, 2008). Secondo uno studio di Cunningham (2001), il 95% di tutte le linee di purosangue maschile risalgono a Eclipse. La prima registrazione di Thoroughbreds in Inghilterra fu fatta nel 1791 come General Stud Book, con il primo volume uscito nel 1793 e sottoposto a revisioni nel 1803, 1808, 1827, 1858 e 1891 (Thiruvenkadan, 2008). Il libro genealogico ora contiene circa 500.000 cavalli ed è sostenuto dai registri dei purosangue di tutto il mondo (Binns, 2012). La razza purosangue può contenere il più antico pedigree registrato per qualsiasi popolazione di animali domestici e sono alcuni degli animali più preziosi del mondo (Bailey, 1998).

Il purosangue è una delle razze più adattabili e ha anche modellato il progresso di molte altre razze di cavalli leggeri. I purosangue sono usati principalmente come cavalli da corsa, ma sono anche usati ed eccellono in una varietà di altre discipline, come il cacciatore, il dressage, eventi di tre giorni, polo, bestiame da lavoro e altro (Thiruvenkadan, 2008). I purosangue venivano allevati per la velocità su lunghe distanze, poiché le corse di solito consistono in distanze da sei furlong (3/4 miglia) a 1, 5 miglia (Thiruvenkadan, 2008). I purosangue di oggi di solito sono alti 15, 1-16, 2 mani e pesano ovunque da una leggera 900 libbre a una massiccia di 1.200 libbre (Thiruvenkadan, 2008). I puledri purosangue nati nell'emisfero settentrionale tecnicamente diventano più vecchi di un anno il primo gennaio, e quelli nati nell'emisfero australe compiono un anno il 1 luglio e il 1 agosto; queste date artificiali sono state create per consentire la standardizzazione delle fasce d'età ai fini delle corse (Thiruvenkadan, 2008).

Secondo i dati genealogici, fino a 30 cavalli purosangue fondatori attualmente contribuiscono a quasi l'80% del pedigree per modernizzare i loro moderni defunti (Cunningham, 2001). In questo senso, è vero che la razza ha iniziato essenzialmente con la razza. Tuttavia, questa stima ignora il numero di altre fattrici introdotte alla popolazione riproduttiva quando il Purosangue divenne ufficialmente una razza internazionale, e non considera nemmeno la progenie degli stalloni Purosangue dall'Inghilterra che furono incrociate con fattrici non Purosangue nella Stati Uniti, Australia e altri paesi durante il 1800 (Bailey, 1998). Tuttavia, la razza ha ovviamente una base genetica molto stretta e si potrebbe sospettare con sicurezza variazioni genetiche molto limitate all'interno della razza e problemi di infertilità associati all'allevamento.

La popolazione di razza purosangue è attualmente stimata in oltre 300.000 in tutto il mondo (Cunningham, 2001). Poiché la popolazione riproduttiva è effettivamente chiusa, vi è una crescente preoccupazione per la potenziale perdita di variazione genetica. Numerosi studi hanno riscontrato effetti significativi dell'ibridazione sulla forma atletica e riproduttiva della razza, ma altri no (Mahon, 1982; Cunningham, 2001). Indipendentemente dal fatto che la razza stia vivendo o meno effetti dannosi di consanguineità o meno, vi è ancora una preoccupazione costante che il pool genetico sempre più ristretto del Purosangue possa limitare il progresso genetico nelle prestazioni sia atletiche che riproduttive e contribuire a un'eventuale maggiore frequenza di malattie ereditarie ( Cunningham, 2001).

Indipendentemente dal fatto che la razza stia vivendo o meno effetti dannosi di consanguineità o meno, vi è ancora una preoccupazione continua che il pool genetico sempre più ristretto del Purosangue possa limitare il progresso genetico nelle prestazioni sia atletiche che riproduttive e contribuire a un'eventuale maggiore frequenza di malattie ereditarie.

La prova

A partire dal 2001, si conferma che il 78% degli alleli nella popolazione di purosangue proviene da 30 cavalli fondatori (27 dei quali maschi), 10 femmine fondatrici rappresentano il 72% dei lignaggi materni e un solo stallone fondatore rappresenta il 95% dei lignaggi paterni (Cunningham, 2001). Sulla base dei dati sui polimorfismi proteici discendenti da precedenti analisi di parentela dello stesso studio, la media dei coefficienti di consanguineità basata sui pedigree purosangue è stata del 12, 5%, rendendo la razza la razza più ibrida da analizzare finora (Cunningham, 2001). È stato riscontrato che l'ibridazione di razza pura è aumentata negli ultimi 40 anni, con statistiche risultanti di r = 0, 24 e P <0, 001 che stabiliscono una correlazione sostanzialmente significativa, sebbene piuttosto debole, tra l'anno di nascita di ciascun cavallo e i loro coefficienti di consanguineità (Binns, 2011). All'interno di quello stesso studio, è stato osservato che la maggior parte dell'inclinazione dei coefficienti di consanguineità si è verificata dopo il 1996 e corrisponde anche all'introduzione di un numero maggiore di coperture tra i migliori stalloni (Binns, 2011).

In un'analisi genealogica della popolazione di purosangue in Ungheria, oltre il 94% dei 3.043 cavalli da corsa studiati dal 1998 al 2010 è risultato essere moderatamente o significativamente ibrido, con un coefficiente di consanguineità medio per la popolazione nel suo insieme al 9, 58% (Bokor, 2012). Questo studio ha anche scoperto che dal 1998 al 2008 il tasso di consanguineità era aumentato dello 0, 3%, prevedendo un continuo aumento dei tassi di consanguineità (Bokor, 2012). La popolazione effettiva è stata superiore a 100 nelle ultime 30 generazioni, dimostrando che la diversità genetica non è diminuita a un livello in cui la selezione riproduttiva a lungo termine era impossibile, ma evitabile (Bokor, 2012). L'analisi del DNA della popolazione di purosangue in Bulgaria ha mostrato tassi di consanguineità negativi all'interno della popolazione, il che indicava una totale mancanza di carenze di eterozigoti all'interno della popolazione, tuttavia l'indice di consanguineità indicava che la differenziazione genetica della popolazione era ancora moderata nella migliore delle ipotesi (Vlaeva, 2015). I risultati di uno studio sulla diversità genetica della popolazione di purosangue in Bosnia ed Erzegovina hanno suggerito che l'attuale popolazione non è stata significativamente influenzata da una perdita di diversità genetica, indicando una conservazione di livelli moderatamente alti di variabilità genetica all'interno di queste popolazioni (Rukavina, 2016) .

Uno studio sulle corse dei purosangue in Irlanda nel 1988 non indicava un aumento significativo dei tempi di vittoria delle gare dal 1952 al 1977, sebbene le prove non suggerissero che questo fallimento nel miglioramento fosse dovuto all'aumento dei coefficienti di consanguineità o all'insufficienza della varianza genetica (Gaffney, 1988). Tuttavia, uno studio su 217 Purosangue da corsa ha confrontato i tempi di vincita e i coefficienti di consanguineità in Giappone negli ultimi 60 anni e ha dimostrato coefficienti di consanguineità del 6, 43 +/- 9, 17% e un accorciamento significativo dei tempi di vincita associati ad un aumento dei coefficienti di consanguineità (Amano, 2006) . Tuttavia, lo stesso studio ha anche dimostrato, in media, un'età più giovane alla prima gara e un declino della durata della carriera agonistica (da 3, 6 anni alla fine degli anni '40 a solo 1, 4 anni a partire dal 2006), anche trovato con coefficienti di consanguineità aumentati (Amano, 2006). Tuttavia, uno studio successivo ha dimostrato che i tempi vincenti dei cavalli da corsa nel loro complesso in tutto il mondo non sono migliorati in modo significativo negli ultimi 40 anni, con miglioramenti nei tempi di corsa che iniziano all'altopiano poiché un numero inferiore di stalloni ha iniziato a coprire un numero maggiore di fattrici per stagione riproduttiva (Thiruvenkadan, 2009).

Uno studio del 2005 sull'ereditarietà della sindrome di legatura nei cavalli da corsa purosangue ha trovato correlazioni moderate tra un aumento dei coefficienti di consanguineità e la prevalenza della sindrome di legatura nei cavalli da corsa (Oki, 2005). Uno studio di coorte simile nel 2008 ha scoperto che anche l'ereditabilità delle lesioni superficiali del tendine flessore digitale (SDFT) nei purosangue era moderata e ha suggerito che pratiche di allevamento appropriate e approcci genetici molecolari potrebbero essere utili nel ridurre la prevalenza delle lesioni SDFT in pista (Oki, 2008). È interessante notare che nel 2006, uno studio sugli effetti dei dati censurati sull'ereditabilità nell'industria delle corse dei purosangue ha scoperto che le precedenti stime dell'ereditabilità genetica per i tratti che determinano la longevità e la conformazione erano distorte al ribasso dal 10 al 25% a causa della censura delle scarse prestazioni animali, suggerendo che le stime precedenti e potenzialmente attuali dell'ereditabilità genetica sono sottovalutate e prevalgono più di quanto riportato (Burns, 2006).

Nel 1982, uno studio sulla relazione tra consanguineità e fertilità nelle fattrici di razza purea in Irlanda ha scoperto che sebbene una fertilità inferiore fosse associata ad un aumento dei coefficienti di consanguineità, gli effetti non erano statisticamente significativi e che l'accoppiamento di parenti stretti era abbastanza raro da non diventare un importante fonte di variazione genetica (Mahon). Uno studio sull'efficienza riproduttiva di 1.393 fattrici di purosangue in allevamenti di bestiame nella regione del Newmarket nel Regno Unito nel 2002 ha rilevato miglioramenti minimi nei tassi di parto delle fattrici in 15 anni (dal 77% nel 1983 all'82, 7% 1998), ma ha affermato che il il tasso complessivo di fallimento della gravidanza nelle fattrici di Newmarket rimane ancora elevato e un grave danno per l'industria riproduttiva dei purosangue, osservando la significativa riduzione del numero di stalloni che coprono un numero significativamente maggiore di fattrici per stagione riproduttiva negli ultimi decenni (Morris). Sebbene i tassi di gravidanza delle fattrici purosangue siano migliorati al punto che il 94, 8% delle fattrici (1084 su 1144) sono stati confermati in stato di gravidanza ad un certo punto nella stagione riproduttiva negli ultimi 35 anni, si verificano anche alti livelli di perdita embrionale, in modo tale che un tasso di parto di solo l'82, 7% (946 di 1144) è stato visto nello stesso studio (Binns, 2012). Il confronto tra i tassi di parto delle fattrici di razza purosangue con vari livelli di consanguineità in uno studio successivo su scala globale ha indicato che i tassi di fertilità delle cavalle sono diminuiti del 7% per ogni aumento del 10% dei coefficienti di consanguineità (Thiruvenkadan, 2009).

Sulla base dei dati sui polimorfismi proteici discendenti da precedenti analisi di parentela dello stesso studio, il coefficiente di consanguineità medio basato su pedigree di razza purea era del 12, 5%, rendendo la razza la razza più innata da analizzare finora.

Importanza nell'industria di oggi

È stato riscontrato che un aumento della consanguineità ha effetti indesiderati sulle prestazioni complessive di molte razze equine. Forse il segno più diffuso che una razza è stata compromessa da alti tassi di consanguineità è la depressione riproduttiva (Binns, 2012). Si pensa che questo sia il risultato dell'aumentata percentuale di embrioni omozigoti per alleli recessivi letali (Binns, 2012). È difficile determinare se tali conseguenze si stiano effettivamente verificando nei cavalli purosangue a causa della progressione di nuove pratiche riproduttive veterinarie, come l'uso di ormoni per indurre estro e ovulazione, che potrebbero nascondere eventuali effetti avversi della consanguineità (Binns, 2012). Come risultato di queste pratiche, si sono verificati aumenti dei tassi di gravidanza; tuttavia, sono state anche osservate riduzioni delle percentuali di successo nel parto (o aumenti delle perdite in gravidanza) (Binns, 2012). Queste perdite sono coerenti con la depressione riproduttiva, sebbene non si sia dimostrato che siano causate da essa.

L'industria di allevamento di purosangue si è trasformata drasticamente negli ultimi 40 anni, con una rinnovata enfasi rivolta alla produzione di un anno che porterà il maggior numero possibile di soldi all'asta, invece del precedente obiettivo di produrre cavalli da corsa superiori (Binns, 2012). Di conseguenza, a causa di questo spostamento delle pressioni commerciali (Binns, 2012) è stato osservato un forte calo del numero di stalloni da riproduzione disponibili e un forte aumento della domanda di puledri ingaggiati da stalloni popolari. Quasi mezzo secolo fa, lo stallone medio copriva un massimo di 40 fattrici in una singola stagione riproduttiva, rispetto a molti degli stalloni di oggi che possono coprire quasi 200 fattrici in una sola stagione (Binns, 2012). Questi cambiamenti riducono la dimensione della popolazione riproduttiva, limitano la variazione genetica e determinano un aumento dell'ibridazione nel tempo.

Recenti studi sulla genetica dei purosangue di oggi stanno scoprendo che questi animali stanno diventando ancora più geneticamente simili, una situazione che sta creando una situazione forse precaria per la razza nel suo insieme (Gibbons, 2014). Dato che un numero crescente di stalloni genera un numero crescente di puledri, alcuni veterinari stanno iniziando a pensare che l'allevamento stia danneggiando il bestiame di razza. Allo stesso tempo, i tempi difficili nel settore delle corse hanno ulteriormente ridotto il numero totale di nuovi puledri di razza registrati ogni anno, da 51.000 puledri nel 1986, a soli 23.000 nel 2013 (Gibbons, 2014). Queste tendenze collaborano per ridurre sinergicamente il pool genetico della razza a un ritmo crescente.

I migliori stalloni purosangue moderni richiedono tasse stud che dipendono dalla loro velocità sulla distanza della pista, dai loro guadagni totali in gara e da quanto bene si esibiscono i puledri (Gibbons, 2014). Questo sistema ha bilanciato la velocità e la durata della razza fino agli anni '80, quando le tasse per gli stalloni come la ballerina nordica sono salite a $ 1 milione e gli annuali hanno iniziato a vendere all'asta fino a $ 13 milioni (Gibbons, 2014). Questo appello ai cavalli da un dollaro ha portato a uno spostamento commerciale verso un nuovo tipo di stallone chiamato "stalloni navetta", che sono volati in altri paesi per la stagione riproduttiva da fissare (Gibbons, 2014). In questo modo, alcuni stalloni navetta possono riprodursi con 300-400 fattrici all'anno, in netto contrasto con le massime fino a 40 fattrici all'anno che la maggior parte degli stalloni ha coperto 50 anni fa (Gibbons, 2014). Secondo uno studio di Animal Genetics, questo crea una sorta di effetto "Genghis Khan", in cui solo pochi stalloni dominano il pool genetico e creano effettivamente un monopolio genetico (Binns, 2012).

Secondo la dott.ssa Carrie Finno, veterinaria dell'Università della California, Davis, i purosangue sono "così innati, sono come cani di razza" (Gibbons, 2014). Il dottor Doug Antczak, un immunologo veterinario specializzato in equini alla Cornell University, ha aggiunto che "I purosangue sono quasi dei cloni, rispetto ad altre razze" (Gibbons, 2014).

Secondo Finno, la conseguente congestione genetica potrebbe eventualmente rendere la razza vulnerabile alle infezioni emergenti e più probabilità di trattenere geni che li predispongono a determinate malattie, problemi di fertilità, malformazioni fisiche e altre condizioni paralizzanti (Gibbons, 2014). Alcuni ricercatori respingono queste preoccupazioni, sostenendo che l'allevamento per prestazioni ha impedito a questi cavalli di ereditare devastanti malattie genetiche, dal momento che gli animali malati o difettosi non possono esibirsi abbastanza bene per correre, e quindi non riescono a farcela nella stalla di allevamento (Gibbons, 2014). Altri allevatori affermano che ci sono meno malattie recessive nei purosangue rispetto a qualsiasi altra razza equina, ma Finno suggerisce che il finanziamento per la ricerca su questo argomento non è stato ancora raggiungibile per trovare i geni rilevanti. “Tutti sanno che sono innati. La domanda è: cosa faranno al riguardo? ”Dice (Gibbons, 2014).

“Tutti sanno che sono innati. La domanda è: cosa faranno al riguardo? "

- Dr. Carrie Finno, Università della California, Davis

Gli effetti visibili

Quindi, quali evidenti effetti della consanguineità, se ce ne sono, si possono vedere nei purosangue moderni? I purosangue di oggi sono in media quasi due mani (8 pollici) più alti rispetto ai purosangue di fondazione originali degli anni 1750, hanno muscoli più grandi bilanciati su gambe più sottili e zoccoli più piccoli, con conseguente animali più pesanti le cui ossa più piccole hanno maggiori probabilità di rompersi a alte velocità (Thiruvenkadan, 2008; Gibbons, 2014). Nel 2006, il vincitore del Kentucky Derby Barbaro, che correva nei Preakness Stakes, ha subito devastanti fratture agli arti posteriori durante la gara dei Preakness Stakes (Binns, 2012). Nonostante gli sforzi costosi per salvargli la vita, lo stallone alla fine ha dovuto essere eutanizzato da complicanze e laminite risultanti dalle fratture (Binns, 2012). Nel 2008, la promettente puledra Eight Belles si fermò dopo aver piazzato la seconda posizione nel Derby del Kentucky con entrambe le zampe anteriori fratturate e dovette essere immediatamente eutanizzata in pista (Binns, 2012). Questi sono stati solo due casi di molti guasti che si sono verificati in pista, eppure questi guasti di due cavalli da un dollaro così vicini tra loro, e testimoniati da milioni di telespettatori, hanno portato titoli in fonti come il Washington Post e il Los Angeles Times, chiedendo se la razza Purosangue fosse "(in) allevata a morte" (Binns, 2012).

Con l'aumentare della consanguineità, i singoli purosangue stanno iniziando in un numero significativamente inferiore di razze, e si ritirano significativamente prima rispetto a quando i loro antenati gareggiavano 40 anni fa, provocando una diffusa speculazione sul fatto che la razza stia diventando sempre più malsana (Binns, 2012, Gibbons, 2014). La veterinaria residente dott.ssa Jeanne Bowers presso le Harris Farms di Coalinga, in California, dove è stata allevata e cresciuta la California Chrome, afferma di aver visto tutto: i purosangue che si fratturano le ossa alle articolazioni, causando l'artrite prematura; cavalli con emorragia polmonare durante la corsa; cavalli che "ruggiscono" e fanno fatica a respirare quando corrono a causa della costrizione delle vie aeree; puledri che nascono con disturbi respiratori (Gibbons, 2014). Dice anche che da ciò che ha visto, l'infertilità e le perdite di puledro dovute all'allevamento sono diventate un "enorme" problema nei purosangue (Gibbons, 2014).

Barbaro Injury, Peakness Stakes 2006

Otto Belles Breaking Down al Kentucky Derby 134

La conclusione?

Secondo i risultati complessivi degli studi di cui sopra, la razza Purosangue ha, se moderatamente, sperimentato un qualche tipo di ripercussioni negative da una discendenza continua di consanguineità. Con l'industria delle corse nel suo stato attuale e la redditività delle attuali pratiche di allevamento, gli allevatori hanno pochi incentivi a fare sforzi per fermare il loro contributo a questo crescente problema. Fino a poco tempo fa, la genetica dei cavalli da corsa non era esattamente un argomento consueto riflesso nei laboratori di ricerca. Tuttavia, il recente sviluppo di nuovi strumenti molecolari potrebbe fornire nuove informazioni su questo problema (Bailey, 1998). Gli allevatori di tutto il mondo hanno iniziato a utilizzare la genetica per testare gli annuali per uno specifico "gene della velocità" scoperto diversi anni fa da un team dell'University College di Dublino e dal presidente di Equinome (Gibbons, 2014). Si ritiene che questo gene determini la variazione dello sviluppo muscolare negli equini e può essere utilizzato per stimare se un cavallo sarà un velocista o un corridore a distanza (Gibbons, 2014). Tuttavia, gli allevatori useranno queste informazioni per allevare cavalli più sani o solo quelli che per primi raggiungeranno il traguardo?

Consigliato dall'autore

Il cavallo da corsa: un manuale veterinario

Un manuale molto istruttivo e di facile lettura che ho letto durante le mie ricerche per questo articolo per aiutarmi a comprendere meglio l'argomento. Lo consiglio a qualsiasi professionista veterinario interessato al settore delle corse dei cavalli.

Acquista ora

Riferimenti

Amano, S., Kobayashi, S. (2006). Studio sugli effetti degli incroci e sui periodi di corsa nell'allevamento di cavalli purosangue. Meiji Univ., Kawasaki, Kanagawa (Giappone) School of Agriculture.

Bailey, E. (1998). Probabilità sul Fast Gene. Ricerca sul genoma, 8: 569-571. doi: 10.1101 / gr. 8.6.569

Binns, MM, Boehler, DA, Bailey, E., Lear, TL, Cardwell, JM e Lambert, DH (2012). Inbreeding nel purosangue. Animal Genetics, 43: 340-342. DOI: 10.1111 / j.1365-2052.2011.02259.x

Bokor, A., Jónás, D., Ducro, B., Nagy, I., Bokor, J., Szabari, M. (2013). Analisi pedigree della popolazione purosangue ungherese. Livestock Science, 151 (1): 1-10.

Burns, EM, Enns, RM, Garrick DJ (2006). L'effetto di dati censurati simulati sulle stime dell'ereditabilità della longevità nel settore delle corse dei purosangue. Ricerca genetica e molecolare, 5 (1): 7-15.

Cunningham EP, Dooley JJ, Splan RK, Bradley DG (2001). Diversità microsatellita, parentela di razza e contributi dei lignaggi dei fondatori ai cavalli purosangue. Animal Genetics, 32 (6): 360-364. doi: 10.1046 / j.1365-2052.2001.00785.x

Gaffney, B., Cunningham, EP (1988). Stima della tendenza genetica nelle prestazioni da corsa dei cavalli purosangue. Natura, 332: 722-724. DOI: 10.1038 / 332722a0 \

Gibbons, A. (2014). Racing for Disaster? Scienza, 344 (6189): 1213-1214.
doi: 10.1126 / science.344.6189.1213

Mahon, GAT, Cunningham, EP (1982). Inbreeding e l'ereditarietà della fertilità nella cavalla purosangue. Scienza della produzione zootecnica, 9: 743-754.

Morris, LHA, Allen, WR (2002). Efficienza riproduttiva delle cavalle purosangue gestite intensivamente nel Newmarket. Diario veterinario equino, 34: 51-60. DOI: 10, 2746 / 042516402776181222

Oki, H., Miyake, T., Kasashima, Y. e Sasaki, Y. (2008). Stima dell'ereditarietà per lesioni del tendine flessore digitale superficiale da Gibbs Campionamento nel cavallo da corsa purosangue. Journal of Animal Breeding and Genetics, 125: 413-416. DOI: 10.1111 / j.1439-0388.2008.00758.x

Oki, H., Miyake, T., Hasegawa, T. e Sasaki, Y. (2005). Stima dell'ereditarietà per la sindrome di Tying-up nel cavallo da corsa purosangue da Gibbs Sampling. Journal of Animal Breeding and Genetics, 122: 289-293. DOI: 10.1111 / j.1439-0388.2005.00539.x

Rukavina, D .; Hasanbašić, D .; Ramić, J .; Zahirović, A .; Ajanović, A .; Beganović, K .; Durmić-Pašić, A .; Kalamujić, B .; Pojskić, N. (2016). Diversità genetica della popolazione di cavalli purosangue dalla Bosnia ed Erzegovina basata su 17 marcatori microsatelliti. Journal of Veterinary Research giapponese, 64 (3): 215-220.

Sairanen, J., Nivola, K., Katila, T., Virtala, A.-M. e Ojala, M. (2009). Effetti della consanguineità e di altri componenti genetici sulla fertilità equina. Animale, 3 (12): 1662-1672. doi: 10.1017 / S1751731109990553.

Thiruvenkadan, AK, Kandasamy, N., Panneerselvam, S. (2008) Eredità delle prestazioni da corsa dei cavalli purosangue. Zootecnia, 121 (2-3): 308-326.

Vlaeva1, R., Lukanova, N. (2015). Analisi dei microsatelliti del DNA della popolazione di cavalli purosangue in Bulgaria: relazioni genetiche tra le linee di studio studiate. Trakia Journal of Sciences, 1: 83-87. doi: 10, 15, 547 mila / tjs.2015.01.011

Tag:  Diabete-Mine Nutrizione Formazione-Center