La verità sulle vaccinazioni dei cani

Contatta l'autore

Le vaccinazioni canine svolgono un ruolo importante nella protezione dei cani dalle malattie contagiose e letali. Tuttavia, non sono privi di costi. Nonostante la maggiore pubblicità negli ultimi anni sugli effetti avversi delle vaccinazioni, molte persone continuano a ritenere che siano necessari vaccini annuali per i loro cani e molti veterinari continuano a somministrarli. La domanda non è se vaccinare, ma per quali malattie, quando e con quale frequenza?

Le vaccinazioni dei cani sono un'arma a doppio taglio. Gli studi hanno dimostrato che la maggior parte delle vaccinazioni canine forniscono l'immunità da sette anni alla vita, se somministrata quando il sistema immunitario di un cane è maturo. Tuttavia, le vaccinazioni hanno anche un notevole potenziale di danno. I proprietari di cani devono essere informati dei benefici e dei rischi al fine di prendere le decisioni appropriate per i loro animali domestici. La fonte apparentemente ovvia di queste informazioni sono i veterinari e i produttori di vaccini, ma esiste un conflitto di interessi tra loro e l'educazione del pubblico. Per quale produttore di vaccini vuole finanziare uno studio che potrebbe ritenere il loro prodotto non necessario e / o dannoso? Ed è certamente comprensibile se alcuni veterinari sono riluttanti a sconsigliare le vaccinazioni annuali, quando tali vaccinazioni rappresentano una parte sostanziale delle loro entrate annuali.

La chiave per ridurre le reazioni ai vaccini nei cani è ridurre il numero e la frequenza delle vaccinazioni somministrate. Prima di esaminare le potenziali conseguenze indesiderate, ecco una breve occhiata ai vaccini e ai loro effetti sul sistema immunitario canino.

Che cos'è un vaccino?

Un vaccino è uno o più antigeni della malattia che, quando iniettati nel corpo di un cane, inducono il suo sistema immunitario a produrre proteine ​​specializzate note come immunoglobuline o anticorpi. Gli anticorpi combattono le infezioni e le malattie e neutralizzano gli antigeni legandosi a loro. Le cellule che hanno creato gli anticorpi (una forma di globuli bianchi) hanno una memoria dell'antigene in modo tale che quando l'antigene viene nuovamente incontrato, la "memoria" delle cellule consente loro di produrre rapidamente più anticorpi, cioè di montare l'immunità contro quel patogeno. La vaccinazione per cani più comune è un cocktail combinato chiamato DHLPPC che include agenti patogeni.

Quali agenti patogeni sono vaccinazioni per cani?

  • Cimurro
  • Adenovirus-2
  • Leptospirosi
  • parainfluenza
  • Parvo

Altre vaccinazioni comuni per cani

  • Rabbia
  • Bordatella (tosse del canile)
  • Malattia di Lyme
  • Giardia

Esistono due tipi di vaccini, uccisi (inattivi) e modificati-vivi (MLV). Un vaccino ucciso prende un virus o batteri e lo rende incapace di riprodursi con calore o sostanze chimiche. Il sistema immunitario non riconosce prontamente gli antigeni morti, quindi gli antigeni sono combinati con sostanze chiamate adiuvanti. Un adiuvante rallenta il rilascio dell'antigene e allunga l'esposizione del cane ad esso in quello che è noto come effetto "deposito". La risposta immunitaria è migliorata ed è necessario meno antigene. Oli, sali di alluminio e proteine ​​sono esempi di adiuvanti. I vaccini uccisi contengono conservanti come il thimerosal (che è il 49% di mercurio), per uccidere i germi che potrebbero aver contaminato accidentalmente il vaccino. Coadiuvanti e conservanti condividono la colpevolezza per alcune delle reazioni avverse che i cani sperimentano.

I MLV sono creati da batteri e virus isolati che sono stati attenuati o indeboliti in modo da non causare la malattia. Si riproducono nelle cellule del cane e provocano immunità imitando l'infezione con l'agente virulento. I prodotti MLV vengono conservati mediante liofilizzazione o con piccole quantità di antibiotici. Producono una risposta del sistema immunitario più forte con meno dosi rispetto ai vaccini uccisi e non richiedono l'aggiunta di adiuvanti. Si ritiene che le vaccinazioni MLV talvolta stimolino eccessivamente il sistema immunitario, causandone il malfunzionamento. Sono controindicati per i cani con sistema immunitario già soppresso. I MLV hanno il potenziale per ritornare alla forma virulenta della malattia.

Rischi e benefici

I vantaggi sono evidenti. Il cane non riceve le malattie per le quali è stato vaccinato e il proprietario del cane ha la tranquillità, e non deve pagare per cure costose quando il cane viene infettato. I rischi sono più difficili da valutare poiché gli effetti collaterali indesiderati variano nel tipo, nel numero e nella gravità da cane a cane. La probabilità che un cane abbia una reazione avversa dipende dal suo sesso, età, taglia, salute e predisposizione genetica, nonché dal tipo e dal numero di vaccini somministrati.

Potenziali effetti collaterali

Un Evento avverso alla vaccinazione (VAAE) può essere sottile o grave. L'anafilassi, caratterizzata dall'improvvisa insorgenza di sintomi come vomito, diarrea, convulsioni e shock, è una risposta immediata e pericolosa per la vita ai vaccini che alcuni cani sperimentano. Il cane può sperimentare insufficienza cardiaca e respiratoria che porta alla morte a meno che non sia disponibile un trattamento immediato. Le reazioni anafilattiche si verificano più spesso con variazioni uccise di vaccini come quelli per rabbia, leptospirosi e coronavirus. Le reazioni avverse meno drammatiche possono includere quanto segue.

Reazioni alle vaccinazioni

  • dolore localizzato e gonfiore nel sito di iniezione
  • febbre
  • perdita di appetito
  • aggressione
  • depressione
  • allergie cutanee

I cani con allergie stagionali a volte peggiorano dopo la vaccinazione. Il vaccino cimurro può causare encefalite (infiammazione del cervello). Alcuni cani e più comunemente, i gatti, hanno sviluppato tumori nei siti di iniezione. Le cagne gravide vaccinate con prodotti MLV sono ad aumentato rischio di aborto.

Malattia autoimmunitaria canina

Gli effetti collaterali più pervasivi della vaccinazione coprono uno spettro noto collettivamente come malattia autoimmune. Esistono molti diversi disordini autoimmuni, ma condividono tutti un sistema immunitario andato storto. Il sistema immunitario del cane inizia a distruggere le sue stesse cellule come se fossero l'agente che causa la malattia. Alcune malattie canine che si ritiene siano state causate, hanno contribuito o scatenato da (nel caso di predisposizione genetica) vaccinazioni canine.

Malattie canine causate o contribuite dalle vaccinazioni

  • Anemia emolitica autoimmune
  • Morbo di Addison
  • Malattia infiammatoria intestinale
  • Lupus
  • Artrite reumatoide
  • Malattia della tiroide
  • Epilessia

Razze vulnerabili alle malattie autoimmuni correlate al vaccino

  • American Cocker Spaniel
  • Akita
  • Pugile
  • Bassotto
  • Pastore tedesco
  • Puntatore tedesco a pelo corto
  • Golden retriever
  • Alano
  • Levriero
  • Vecchio cane pastore inglese
  • Cane pastore delle Shetland
  • Shih Tzu
  • Vizsla
  • Weimaraner
  • Barboncino standard

... così come molte razze bianche (particolarmente piccole) o quelle con genetica della diluizione del mantello come merling (Collie, Australian Shepherds), Arlecchino Great Danes, Pinscher Doberman blu e fulvo, ecc. Un cane può presentare sintomi in uno o aree multiple. Il sistema immunitario indebolito lascia il cane vulnerabile, soprattutto quando né il proprietario né il veterinario riconoscono il vero colpevole e i vaccini multipli continuano a essere somministrati. Le vaccinazioni non sono l'unico colpevole dei disturbi autoimmuni canini; sono sospettati anche alcuni conservanti per alimenti per cani, tossine ambientali e pesticidi.

Limitare il rischio: meno è di più

Nel 2002, un rapporto di riferimento pubblicato dall'American Veterinary Medical Association (AVMA) Council on Biologic and Therapeutic Agents (COBTA) dichiarò in parte, "... la pratica di rivaccinare gli animali ogni anno si basa in gran parte su precedenti storici supportati da dati scientifici minimi la stimolazione inutile del sistema immunitario non comporta una maggiore resistenza alle malattie e può esporre gli animali a rischi inutili ... ". È chiaro che la mentalità " un protocollo di vaccinazione si adatta a tutti " degli anni precedenti deve essere rivista e che i benefici della vaccinazione devono essere valutati rispetto al rischio potenziale per un singolo cane e le sue circostanze. È importante che i proprietari di cani non si sentano intimiditi nel somministrare più vaccini di quanto ritengano saggio. L'unica vaccinazione obbligatoria per legge è il vaccino contro la rabbia, e anche quello è tre anni in uno studio di sette anni (di base - finanziato dal consumatore) che si spera possa dimostrare l'efficacia di sette anni. I cani che trascorrono del tempo attorno ad altri cani, che si imbarcano frequentemente o che partecipano a mostre e parchi per cani, potrebbero aver bisogno di un monitoraggio più attento dei cani che non escono mai di casa. Indipendentemente dalle circostanze, la buona notizia è che ci sono modi per ridurre al minimo il rischio.

  • Limitare il numero di vaccinazioni che il cane riceve: Più non è necessariamente migliore. Uno studio pubblicato nel 2005 sul Journal of AVA (American Veterinary Association), ha stabilito che il rischio di effetti collaterali negativi è aumentato con il numero di vaccini somministrati contemporaneamente. Quando un cane viene vaccinato con più agenti patogeni, il suo sistema immunitario è costretto a rispondere a tutti. I vari agenti patogeni "competono" per la risposta immunitaria, risultando in una risposta minore su tutti. Considerare la vaccinazione solo per le malattie "core" (potenzialmente fatali): Cimurro, Parvo e Rabbia e Adenovirus-2. Considera i vaccini non core alla luce del rischio individuale di un cane. Non è necessario vaccinare per la malattia di Lyme a meno che il cane non viva o stia viaggiando in un'area in cui Lyme è prevalente E l'habitat o lo stile di vita del cane lo mettono a rischio. Una zecca che porta la malattia di Lyme in genere deve essere attaccata all'ospite per 24 ore per comunicare la malattia, quindi il rilevamento e la rimozione abituali rapidi delle zecche negano la necessità del vaccino. Per quanto possibile, evitare le vaccinazioni "cocktail" con malattie multiple.
  • Limitare la frequenza delle vaccinazioni con cuccioli e adulti. Un cucciolo riceve in genere una serie di "colpi di cucciolo" che iniziano già all'età di sei settimane e si concludono intorno alle sedici settimane, seguite da un "booster" a circa un anno. Queste vaccinazioni vengono sprecate quando il cucciolo è ancora protetto dall'immunità ricevuta da sua madre. L'interferenza dell'anticorpo materno è la causa più comune di fallimento del vaccino. Esattamente quando l'immunità conferita dalla madre svanisce varia tra i cuccioli, ma è noto per durare più a lungo di quanto si pensasse. Fino al venti percento dei cuccioli di 18 settimane ha abbastanza anticorpi materni presenti per interferire con successo nell'immunizzazione di Parvo. Un'opzione è ritardare completamente la vaccinazione fino a quando il cucciolo non ha superato le 22 settimane di età. La vaccinazione ritardata riduce indubbiamente il rischio di VAAE, ma richiede la vigilanza da parte del proprietario del cucciolo per essere consapevole del rischio di malattia e fare scelte intelligenti quando espone il suo cucciolo. Il periodo che precede tale vaccinazione ritardata si sovrappone a quello critico per la socializzazione, quindi è importante che il cucciolo sia socializzato solo in luoghi in cui è noto che gli altri cani sono stati immunizzati, come le case degli amici, e non in luoghi pubblici come Pet Smart dove lo stato dei cani incontrati è sconosciuto. Certamente l'inizio di una serie di vaccinazioni dovrebbe attendere che il cucciolo abbia almeno otto settimane e più a lungo possibile. Consentire un minimo di tre settimane tra le vaccinazioni.
  • Hanno titoli di cani adulti e non vaccinare quando i titoli sono adeguati. Un titolo (pronunciato TIGHT-ER), test misura gli anticorpi nel sangue di un cane e indica se il suo sistema immunitario stava aumentando l'immunità al momento del prelievo del sangue. I test dei titoli sono un po 'problematici nella loro interpretazione. Il cane potrebbe non mostrare anticorpi verso un determinato agente patogeno e tuttavia le sue cellule sono pienamente in grado di produrle quando necessario. La mancanza di anticorpi non indica sempre una mancanza di protezione, ma piuttosto che la memoria dell'agente patogeno non era stata provocata al momento del test. Un modo per aggirare questa frustrazione è esporre deliberatamente il cane al vaccino una settimana o dieci giorni prima del test del titolo. Questo viene fatto acquistando e mescolando una vaccinazione del tipo per cui deve essere intitolato, ma invece di iniettarlo nel cane, metterlo su un batuffolo di cotone o tessuto e consentire al cane di annusarlo, o forse anche strofinarlo un po ' di esso sul naso. Ciò aumenta la probabilità della precisione del risultato del test del titolo.

Ricerca in corso

Due ricercatori sono all'avanguardia nel campo dell'immunologia canina, Ronald D. Schultz, Ph.D, DVM e W. Jean Dodds, DVM. Stanno attualmente lavorando insieme a uno studio sulla Rabies Challenge in corso presso la School of Veterinary Medicine dell'Università del Wisconsin, in cui il Dr. Schultz è professore e attuale presidente del Dipartimento di Scienze Patobiologiche. Il Dr. Schultz studia l'efficacia dei vaccini e dell'immunità dagli anni '70. Per quanto riguarda la pratica della vaccinazione annuale, afferma: "... abbiamo scoperto che la rivaccinazione annuale, con i vaccini che forniscono immunità a lungo termine, non fornisce alcun beneficio dimostrabile e può aumentare il rischio di reazioni avverse". Il dottor Dodds, esperto di malattie autoimmuni della tiroide canina e fondatore della prima banca del sangue privata senza scopo di lucro per animali, Hemopet, è ugualmente riconosciuto come un'autorità per i vaccini canini e l'immunologia. Il protocollo di vaccinazione limitato del Dr. Dodd è ampiamente seguito dagli allevatori di cani di razza preoccupati per l'incidenza di reazioni avverse. Per quanto riguarda la titolazione durante il periodo di un anno, dice "Se i titoli sono sufficienti, non è necessario un booster".

altre considerazioni

Una preoccupazione in particolare per i proprietari di piccoli cani è la quantità di vaccino somministrata. Un Chihuahua viene vaccinato con la stessa quantità di agente patogeno di un Alano. Alcuni ricercatori sostengono che dal momento che a livello cellulare vi è lo stesso numero di siti di recettori in ogni cane, che non vi è motivo di regolare i dosaggi in base alle dimensioni del corpo. Tuttavia, gli studi dimostrano che più piccolo è un cane, maggiore è il suo potenziale di reazione al vaccino.

C'è un periodo di vulnerabilità, in particolare con Parvo, quando gli anticorpi materni di un cucciolo impediscono la sua immunizzazione con un vaccino, e tuttavia sono insufficienti per proteggerlo dall'effettiva infezione da virus. Questo è importante da ricordare con i cuccioli nelle aree con diffusa incidenza di Parvo.

Proprio come con gli esseri umani, esiste un corpus di prove emergenti sul ruolo dell'infiammazione nel corpo canino. A lungo pensato per essere una causa di guarigione, è sempre più pensato per essere un agente causale nella malattia e non una cura. La risposta naturale nel corpo di un cane alla vaccinazione è un aumento dell'infiammazione.

In conclusione

Lo studio dell'immunologia canina proseguirà nel prossimo futuro. Rimangono domande preoccupanti per le quali non ci sono risposte assolute o soluzioni complete. Le decisioni sulla vaccinazione sono uniche per ogni cane e dovrebbero essere determinate dall'età, dalla salute, dalla razza del cane, ecc. Collegamenti per ulteriori letture, nonché ad alcune delle ultime e sono stati forniti i protocolli di vaccinazione più conservativi.

Tag:  Cavalli Gatti Animali esotici