Trattare il legamento crociato lacerato di un cane senza chirurgia: è possibile?

Comprensione dell'anatomia del legamento crociato del cane

Se stai considerando opzioni non chirurgiche per il legamento crociato strappato del tuo cane, molto probabilmente hai una ragione. Potrebbe essere che non puoi permetterti un intervento chirurgico molto costoso o stai cercando un approccio più conservativo per un cane più grande. Può anche essere che stai cercando di imparare il più possibile su questa condizione e desideri prendere la decisione migliore per il tuo amico. Il modo migliore per comprendere i pro ei contro delle opzioni chirurgiche rispetto a quelle non chirurgiche è comprendere come funziona il legamento e cosa succede quando si rompe.

Qual è il legamento crociato di un cane? In questo caso, è più corretto dire legamenti crociati in quanto ce ne sono due. Fondamentalmente un legamento è costituito da tessuto fibroso la cui funzione principale è quella di collegare un osso all'altro in modo da garantire la stabilizzazione articolare, consentendo al contempo un ampio raggio di movimento.

In questo caso, i due legamenti del cane stanno collegando il femore e la tibia. Questi due legamenti sono disposti come un incrocio x trovato sul ginocchio del cane (noto anche come "soffocare"). Quindi, il termine "crociato" deriva dalla parola "croce". Per distinguere un legamento da un altro, i veterinari si riferiscono a questi legamenti come "legamento crociato anteriore" (ACL) o "legamento crociato cranico" (CCL) o "caudale". In particolare, l'ACL è la rottura di un cane più spesso e quello che impedisce alla tibia di scivolare in avanti; il CCL è quello che impedisce alla tibia di scivolare all'indietro.

Cosa succede quando un legamento viene strappato?

Quando il legamento cruciale viene strappato, il ginocchio sviluppa una gamma anormale di movimento e il cane avverte dolore. I cani colpiti possono essere così doloranti da riuscire a malapena a sopportare il peso sulla gamba. Mentre la gamba posteriore zoppica è uno dei segni più caratteristici di un legamento strappato testimoniato dai proprietari, il segno più conclusivo di un legamento strappato visto dal veterinario è quello che viene chiamato un segno del cassetto, che è una gamma anormale di movimento che non succederebbe mai se i legamenti del cane fossero intatti.

Qual è esattamente il segno del cassetto e in che modo il veterinario determina la sua presenza? Il veterinario terrà saldamente il femore con una mano stabilizzandolo, mentre manipola la tibia con l'altra mano. Come accennato in precedenza, l'ACL impedisce alla tibia di scivolare in avanti mentre il CCL impedisce alla tibia di scivolare all'indietro. Pertanto, se la tibia è in grado di avanzare dopo aver manipolato l'articolazione, (proprio come si aprirà un cassetto), questa è la prova che il legamento è strappato. Ulteriori prove si ottengono dal test di compressione tibiale. In questo caso, il veterinario tiene il femore con una mano mentre flette la caviglia del cane con l'altra mano. Nel caso di un legamento rotto, la tibia si sposterà di nuovo in modo anomalo in avanti.

Va notato che la diagnosi potrebbe non essere così semplice. In alcuni casi, i cani sono piuttosto tesi al veterinario e questa tensione stabilizza temporaneamente l'articolazione del ginocchio, evitando che si manifesti il ​​tipico segno del cassetto. Inoltre, il segno del cassetto potrebbe non essere evidente nei cani che hanno rotto solo parzialmente il loro legamento. I raggi X possono anche aiutare la diagnosi, escludendo il cancro osseo e aiutando a determinare se l'artrite secondaria è iniziata.

I proprietari notano spesso che i loro cani soffrono perché il cane non ingrassa la gamba colpita. Nel caso di rotture parziali, la zoppicatura è più intermittente. Gli zoccoli tendono a peggiorare con l'attività ed è spesso più evidente quando ci si alza. Alcuni cani possono diventare meno attivi. Inoltre, i proprietari possono notare sedute sciatte con cani che hanno difficoltà a sedersi e una predisposizione a sedersi con la gamba colpita lateralmente. In alcuni casi, l'articolazione può gonfiarsi o potrebbe esserci atrofia dei muscoli, che a volte porta a una gamba più corta dell'altra.

In che modo il mio cane ha potuto rompere il legamento crociato che potresti chiedere? Spesso, questa lesione può verificarsi quando un cane fa un brutto passo, come quando la sua parte inferiore della gamba viene intrappolata in un buco e il resto della gamba continua a muoversi in avanti. In altri casi, un cane più anziano in sovrappeso può avere legamenti indeboliti che si rompono quando il cane salta da un letto. Alcune razze di grandi dimensioni sono predisposte a questa condizione come mastini, Terranova, Akitas, St. Bernards, Rottweiler, Chesapeake Bay Retriever e American Staffordshire Terrier.

Gestione conservativa: trattamento del legamento crociato non chirurgico nei cani

L'argomento della chirurgia nei legamenti crociati strappati sembra essere oggetto di controversie. Una cosa è certa; quando il legamento è strappato, il ginocchio è instabile e le ossa sono soggette a una gamma anormale di movimento. Ciò porta a un effetto a cascata, in cui le ossa e la cartilagine del menisco sono soggette a usura, il che porta a cambiamenti degenerativi. Quando il menisco è interessato, potrebbe essere necessario rimuoverlo o ripararlo. Gli speroni ossei, che si sviluppano nel deterioramento delle articolazioni, possono iniziare a formarsi già da una a tre settimane dopo la rottura. Un gonfiore appena all'interno del ginocchio, noto come contrafforte mediale, può essere un segno che l'artrite si è manifestata, nei casi in cui la lacrima è vecchia. La chirurgia sembra rallentare la degenerazione, ma è un peccato che i cambiamenti degenerativi non possano essere invertiti una volta avviati.

Comprensione del trattamento non chirurgico

Se ti chiedevi cosa sarebbe successo se il tuo cane avesse saltato l'intervento chirurgico e gli fosse stato permesso di riposare, la prognosi sembra dipendere in gran parte da quanto è grande il tuo cane. In uno studio, i cani affetti da una rottura del crociato sono stati studiati per sei mesi. Circa l'85% dei cani che pesavano meno di 30 libbre migliorava o riacquistava una funzione quasi normale. Solo il 19 percento dei cani di peso superiore a 30 chili ha migliorato o riguadagnato la funzione quasi normale.

Tuttavia, è vero che ci sono anche storie di proprietari di cani che provano la via non chirurgica. È un fatto spiacevole che non tutti i proprietari di cani possano permettersi il prezzo elevato che viene fornito con questo tipo di intervento chirurgico, che spesso ammonta a $ 3.000. Coloro che non possono permetterselo, o i proprietari di cani che a causa dell'età o di altre condizioni non possono seguire il percorso chirurgico, spesso fanno molte ricerche e decidono di provare ad aiutare i loro cani attraverso quella che è conosciuta come gestione conservativa. Coloro che decidono di percorrere questa strada hanno comunque una strada accidentata con molte incertezze sul risultato. Inoltre, a volte questo percorso può rivelarsi più costoso degli straordinari rispetto all'intervento effettivo.

In generale, i migliori candidati per la gestione conservativa sono i cani che hanno solo una lacrima parziale. In questo caso, questi cani possono essere sottoposti a una prova di 8 settimane attraverso una gestione conservativa. Se il cane sembra migliorare durante questo periodo, è un buon segno. I cani che hanno una lacrima completa sono invece sempre un caso chirurgico, spiega il veterinario Stacey Hershman in un articolo per il Whole Dog Journal. La ragione di ciò è che nel caso di una rottura completa, il ginocchio non può funzionare come una cerniera. Se sei interessato a provare la via non chirurgica, dovrai prima fare controllare dal veterinario se lo strappo è parziale o completo.

Allora, qual è la gestione conservatrice quando si tratta del legamento crociato strappato di un cane? Consiste di riposo, farmaci antinfiammatori, perdita di peso, parentesi graffe, nuoto, terapia fisica, supporto nutrizionale, erbe e integratori. In questo caso, riposare significa non correre, saltare o salire le scale per 6-8 settimane. Il cane dovrà essere inviato al guinzaglio al vasino. Tuttavia, sembra che troppo riposo non funzionerà neanche. Un cane in gabbia tutto il giorno potrebbe diventare rigido. Meglio essere confinati in una piccola stanza o in una ex penna.

I farmaci antinfiammatori non sono necessari solo per il controllo del dolore, ma anche per ridurre l'infiammazione che è la causa della degenerazione della cartilagine, che a sua volta porta all'artrite. Supplementi di glucosamina come Glycoflex, iniezioni di Adequan e prodotti antinfiammatori naturali possono anche aiutare, ma discuterne con il veterinario poiché alcuni potrebbero interagire con i farmaci antinfiammatori.

La perdita di peso è importante in quanto quei chili in più possono svolgere un ruolo dannoso. I chili in più possono anche mettere a dura prova l'altro ginocchio sano. Inoltre, quando un cane è in attività limitata per un lungo periodo di tempo, è molto probabile un aumento di peso. Una dieta sana con alto contenuto di proteine, basso contenuto di carboidrati e ridotto contenuto di grassi può aiutare. Ridurre le crocchette, ma aggiungere cibi ricchi di proteine ​​come uova, carne e latticini non è una cattiva idea, secondo la ricercatrice di salute e nutrizione del cane Mary Straus.

Agopuntura, terapia fisica digitopressione, terapia di massaggio, nuoto e proloterapia sono forme di terapia utilizzate per lacrime parziali. Tutto ciò richiede grande tempo e impegno. Le parentesi graffe possono anche rivelarsi utili nel sostenere il ginocchio esternamente. Nella maggior parte dei casi, una combinazione di diversi trattamenti sembra essere una strategia ottimale.

Riferimenti e risorse per i proprietari di cani con legamenti crociati strappati

  • Bretelle per cani con legamenti crociati strappati: Orthopets and Wound Wear Inc.
  • L'articolo del Whole Dog Journal sulle alternative alla chirurgia canina
  • Un sito Web dedicato al recupero non chirurgico ACL / CCL

La chirurgia è l'unica via d'uscita? Cosa hanno da dire alcuni veterinari

Se il tuo cane ha strappato il legamento crociato, molto probabilmente il veterinario ti ha detto che si tratta di un intervento chirurgico o di una vita invalidante, che spesso garantisce l'eutanasia. Il veterinario Narda Robinson in un articolo su Veterinary Practice News, smentisce alcuni miti sull'argomento. Per i principianti, afferma che le prove suggeriscono che la chirurgia TPLO (osteotomia di livellamento del plateau tibiale) non interrompe la progressione dell'artrite. È interessante notare che sostiene che diversi studi mostrano il contrario; in effetti, sembra che l'artrite peggiori effettivamente dopo la TPLO.

Narda Robinson aggiunge: "La maggior parte degli infortuni non richiede un intervento chirurgico per una risoluzione efficace. Riposo e avvolgimento, massaggio, agopuntura, terapia laser e riqualificazione propriocettiva possono produrre un recupero completo per molti problemi mentre la chirurgia crociata non ripristina mai l'arto alla normale funzione. Chi paga per l'errore diagnostico quando il chirurgo trova un legamento intatto? Il cane e il cliente. "

Inoltre, Narda Robinson afferma che non è vero che i cani saranno come nuovi dopo un intervento chirurgico TPLO o altri approcci chirurgici per il legamento crociato cranico. Dopo l'intervento chirurgico, i cani saranno zoppi per le prime due settimane. Quindi, dopo 4-6 settimane, perdono la massa muscolare e diminuiscono la circonferenza delle cosce. Inoltre, il cane non si riprenderà completamente, con rigidità nel soffocamento della durata di cinque o più anni e possibilmente, zoppia persistente.

Il veterinario Shawn Messonnier osserva inoltre in un articolo su Dog Channel che dopo aver diagnosticato a un cane un ACL lacerato, i proprietari di cani non devono correre di corsa sul tavolo operatorio in caso di emergenza. Un secondo parere è spesso utile, quindi per determinare se l'intervento chirurgico è davvero necessario. Spiega anche come le terapie alternative possono aiutare i cani a riprendersi senza chirurgia. Tali terapie includono rimedi omeopatici, erbe, integratori alimentari, come bromelina e glucosamina e condroitina.

Se stai considerando la gestione conservativa è importante valutare ciò che è meglio per il cane. Il veterinario Dr. James St.Clair, direttore della medicina veterinaria, avverte che mentre la gestione conservativa può funzionare, funziona per alcuni cani e non necessariamente per tutti. Inoltre comporta dei rischi. Se il cane non viene riposato correttamente, può rischiare di compromettere la zampa posteriore opposta; che alla fine può avere un risultato devastante. Come accennato, questo argomento è piuttosto oggetto di controversie e non è una cattiva idea ascoltare entrambe le parti della storia in modo da prendere una decisione informata. Questo articolo del veterinario Phil Zeltzman si concentra sulle possibili complicazioni da ACL non trattati.

Tag:  Cani Pesci e acquari natura