Rimozione di cianobatteri dall'Acquario

Contatta l'autore

Sembra che il pesce si sia nuovamente ridecorato, drappeggiando fogli di alghe verdi sottili su ogni superficie e persino appeso ai lati della vasca per buona misura. Hai provato la tua fiducia sul trattamento contro le alghe, ma ha fallito e ogni giorno l'invasione peggiora. Cos'è questa minaccia e, cosa ancora più importante, come sbarazzartene?

Capire la minaccia

Questa minaccia non è altro che cianobatteri, spesso indicati come alghe blu-verdi in vasche d'acqua dolce o alghe rosse di melma in vasche marine. I cianobatteri sono uno degli esseri viventi più antichi del pianeta con fossili risalenti a 3, 5 miliardi di anni fa nelle rocce achee dell'Australia occidentale. Questa è una forma di vita resiliente, ma perché ha avuto tanto successo? Semplice, si avvale delle onde luminose che vengono scartate da una maggiore vita vegetale, vive in una vasta gamma di temperature e si basa su materiali di scarto organici tra cui fosfati disciolti e nitrati. Cosa hanno in comune tutte queste cose? Sono prontamente disponibili nell'ambiente costruito artificialmente dell'acquario domestico. Sebbene non sia pericoloso per gli abitanti di un acquario d'acqua dolce o marino, i cianobatteri possono diventare un disagio sgradevole che può coprire ogni superficie di una vasca in pochi giorni.

Una delle prime domande che gli acquariofili si pongono di fronte a un focolaio di cianobatteri è: da dove proviene? Sfortunatamente, non c'è modo di esserne sicuri. Questi batteri possono rimanere inattivi per migliaia di anni fino a quando si presentano le giuste condizioni, e poi fiorirà. Quindi la colonia iniziale avrebbe potuto chiedere un passaggio a tutto ciò che non era completamente sbiancato prima di entrare nel serbatoio. Ciò include ornamenti, hardware dell'acquario, substrato, piante vive, roccia viva e persino l'acqua dei pesci che sono stati introdotti nel serbatoio. La verità è che da dove proviene non è davvero il problema, perché è proliferato.

Spesso non esiste una singola causa che porta a una fioritura di cianobatteri, è più probabile che una combinazione di illuminazione impropria, un'abbondanza di nutrienti liberamente disponibili e un ambiente stagnante a basso ossigeno che accelerano la crescita batterica. I serbatoi che presentano questa melma rossa, o alghe blu-verdi, spesso hanno una buona qualità dell'acqua (bassi livelli di ammoniaca, nitriti e nitrati) e sono altrimenti insignificanti.

Istituire una squadra di pulizia in un acquario marino può aiutare a ridurre la melma ma tratta solo il sintomo del problema, non la causa. Il granchio eremita Red Scarlet Reef è l'opzione migliore per questo metodo. Divorterà prontamente qualsiasi alga rossa di melma nel serbatoio. Sfortunatamente, non ci sono pesci d'acqua dolce che pascolano su questa "alga" e gli additivi per il controllo delle alghe standard non riescono ad alleviare la situazione. In una situazione di acqua dolce, è possibile rimuoverlo a mano, ma richiede una notevole quantità di tempo e fatica. Esiste, tuttavia, una procedura che può eliminare questo particolare batterio dal tuo acquario, marino o d'acqua dolce, in meno di una settimana.

Il metodo per rimuovere completamente i cianobatteri prevede un approccio sfaccettato che include la limitazione o la modifica dell'illuminazione, la modifica del programma di alimentazione del serbatoio, la rimozione fisica con un detergente per ghiaia, l'abbassamento della temperatura del serbatoio e l'aggiunta di aerazione aggiuntiva al serbatoio. Sebbene questa combinazione eliminerà l'aspetto dei cianobatteri, ci saranno ancora piccole tasche che sopravviveranno, saranno così piccole che non saranno visibili e dovrai comunque mantenere un ambiente che non consentirà la ricomparsa di la fioritura.

Affrontare l'illuminazione del serbatoio

La natura fotosintetica dei batteri significa che può produrre i propri nutrienti o utilizzare l'energia luminosa proveniente dall'array di illuminazione dei serbatoi per aiutare a convertire i rifiuti organici in una forma utilizzabile di cibo. I cianobatteri usano lunghezze d'onda della luce che non sono utilizzate dalle piante di ordine superiore. Ciò significa che l'illuminazione del tuo acquario è il punto iniziale di attacco per la rimozione di questi parassiti. Ridurre o eliminare le lunghezze d'onda che usano ridurrà drasticamente la loro capacità di nutrirsi e propagarsi.

Se l'illuminazione nel tuo serbatoio ha più di un anno, probabilmente non sta emettendo luce alla stessa lunghezza d'onda che era all'inizio della sua vita. Quando una lampadina invecchia, emette una luce meno potente, una di lunghezza d'onda inferiore. Questo è un problema comune di cui molti acquariofili non sono a conoscenza. Questo decadimento della luce può far sì che una lampadina classificata come sorgente luminosa da 420 a 460 nanometri emetta luce nella gamma da 560 a 620 nanometri entro un anno. Questa gamma da 560 a 620 nanometri è quella in cui proliferano i cianobatteri.

La sostituzione delle lampadine nell'attuale impianto con lampadine bilanciate (da 6.400 K a 14.000 K) o lampadine attiniche da 50.000 K ridurrà immediatamente la quantità di luce utilizzabile per i batteri infestanti. L'uso di uno sterilizzatore a ultravioletti per eliminare i cianobatteri fluttuanti, sebbene raccomandato, non è del tutto necessario per eliminare il flagello in meno di una settimana. La sostituzione dei bulbi nel tuo acquario ogni 9-12 mesi aiuterà a prevenire il ripetersi di cianobatteri.

Lampadina ad alogenuri metallici HQI 14000K DE di Phoenix Electric Company per acquario, 150 watt Acquista ora

Riduzione della disponibilità di nutrienti

Cambiare l'illuminazione nel tuo acquario è solo il primo passo per eliminare un'infestazione batterica. Ridurre i nutrienti liberi disponibili per la colonia ridurrà immediatamente la sua capacità di diffusione. La fonte primaria di cibo per i cianobatteri sono i composti organici disciolti nell'acqua dell'acquario, che consistono sia di fosfato (PO 4 ) che di nitrato (NO 3 ). Una sovrabbondanza di questi materiali di solito può essere ricondotta al sovralimentazione o alla mancata rimozione dei materiali vegetali morti dal serbatoio. Negli acquari marini di invertebrati, gli alimenti liquidi e a base di gelatina sono una probabile fonte di questi prodotti organici. È anche possibile che i fosfati siano entrati nell'ambiente dell'acquario attraverso miscele di sale marino, filtri a carbone attivo o precipitati di Kalkwasser in ambienti marini.

Per eliminare i composti organici disciolti, il primo passo è completare un cambio d'acqua del 30 percento. Seguire questo con un programma di alimentazione significativamente ridotto. Nutri il tuo carro armato per circa un terzo della quantità normale. Questo sarà sufficiente per rendere felici i pesci senza avanzi di batteri. Per il resto della settimana è possibile effettuare il dieci percento di cambi d'acqua ogni due giorni per portare la quantità di PO 4 e NO 3 a livelli accettabili. Una volta che l'ambiente del serbatoio è tornato alla normalità, i programmi di alimentazione devono essere regolati per ridurre la quantità di rifiuti alimentari in decomposizione.

Rimozione di batteri malvagi e aerazione dell'acquario

Dopo il primo giorno di nuova illuminazione e riduzione dei nutrienti, le fioriture batteriche inizieranno a sfaldarsi. La rimozione manuale di grossi gruppi di batteri con una piccola rete ridurrà in modo significativo lo sforzo sul sistema di filtrazione e impedirà che si ostruisca. Ricorda di sterilizzare la rete in una soluzione al 15-25% di candeggina quando hai finito in modo da non reintrodurre accidentalmente i cianobatteri nel tuo serbatoio in un secondo momento. Si consiglia inoltre di pulire il substrato con un detergente per ghiaia per rimuovere eventuali tasche di cianobatteri che potrebbero essere in agguato appena sotto la superficie.

Una volta rimossi i grossi grumi e fogli di cianobatteri, l'aggiunta o l'aumento della quantità di aerazione nel serbatoio è il passo successivo. I cianobatteri prosperano in acque relativamente tranquille, scarsamente ossigenate. L'aggiunta di un gorgogliatore o l'accensione dei powerhead in un serbatoio rimuoverà le aree stagnanti dal serbatoio e ridurrà le aree in cui i batteri possono proliferare.

Abbassare la temperatura del serbatoio sotto i 76 gradi Fahrenheit rallenterà anche la crescita dei batteri. Questo è consigliabile solo se si esegue un impianto di acqua dolce poiché i cambiamenti di temperatura in un ambiente marino possono causare stress inutili sui pesci e sui coralli nell'ambiente.

Ambiente postbatterico

Utilizzando il suddetto sistema di illuminazione, alimentazione ridotta, pulizia manuale, cambi d'acqua e aerazione del serbatoio, il problema dei cianobatteri dovrebbe essere storia in meno di una settimana. Ci sono alcune cose da tenere d'occhio in questo post Cianobatteri.

I batteri stavano consumando nitrati mentre si trovavano nell'acquario, quindi rimuovendoli potrebbe esserci un picco nei livelli di nitrati mentre i batteri benefici lavorano per sostituire i cianobatteri nell'ecosistema. Questi picchi di nitrati sono previsti e possono essere minimi se si è stati diligenti nel programma di cambio dell'acqua fornito sopra. Potrebbe essere necessario effettuare ulteriori cambi d'acqua del dieci percento a giorni alterni per un massimo di due settimane per riportare il livello di nitrato a un intervallo sicuro inferiore a 10 ppm.

Perché non usare solo un trattamento antibiotico o chimico?

La domanda numero uno che mi viene posta dopo aver raccomandato il trattamento di cui sopra è: "perché non usi semplicemente un antibiotico come l'eritromicina o qualche altro trattamento chimico per eliminare i batteri?" Mentre ci sono diversi controlli chimici pubblicizzati per la rimozione dei cianobatteri, tutti hanno gli stessi effetti potenzialmente devastanti. Innanzitutto, un antibiotico non discrimina e distruggerà tutti i batteri nitrificanti nel serbatoio insieme ai cianobatteri. Ciò riporterà un acquario al primo giorno e si tradurrà in un'esposizione a picchi di ammoniaca, nitriti e nitrati che possono essere disastrosi per il serbatoio. In secondo luogo, sebbene un trattamento chimico possa sembrare funzionare pochi istanti dopo essere stato introdotto nel serbatoio, lo fa a costo di dissolvere questi batteri in materiali velenosi per i pesci nell'ambiente. Ciò può portare a una massiccia morte dei pesci e rinnovate condizioni ottimali per un'altra fioritura di cianobatteri. È meglio evitare una di queste opzioni allettante quanto potrebbe sembrare la soluzione rapida.

fonti

TN & EL Taylor. 1993. La biologia e l'evoluzione delle piante fossili. Prentice Hall, New Jersey.

Tag:  natura Cavalli conigli